Italia markets open in 2 hours 54 minutes
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,06 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,54 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.419,48
    -332,14 (-1,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1284
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • BTC-EUR

    50.834,72
    +2.390,09 (+4,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.432,33
    -23,08 (-1,59%)
     
  • HANG SENG

    23.956,43
    -124,09 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     

Caro bollette, in Lombardia alcune aziende stanno per fermare la produzione

·2 minuto per la lettura
General view of Milan skyline during 60 Years Of Pirellone exhibition press conference at Palazzo Pirelli on June 29, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)
General view of Milan skyline during 60 Years Of Pirellone exhibition press conference at Palazzo Pirelli on June 29, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)

“In Lombardia alcune aziende hanno già deciso di sospendere la produzione in dicembre, sono molto preoccupato, ci vogliono interventi urgenti da parte del Governo e dell’Europa”. È questo l’allarme lanciato dall’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Guido Guidesi, seriamente preoccupato dalle conseguenze della crescita esponenziale dei prezzi delle forniture energetiche, unita all’aumento dei costi delle materie prime e alla risalita dell’inflazione. “Se non si interviene immediatamente - ha rimarcato - si rischia seriamente di compromettere la crescita economica”.

“L’Unione Europea - ha aggiunto Guidesi - ha deciso di tornare sull’argomento solo a dicembre, è troppo tardi. Evidentemente non si rendono conto della gravità della situazione. Ho evidenziato le mie preoccupazioni anche al governo perché attendere fino a dicembre è troppo rischioso”. “Dai primi dati - ha detto ancora il responsabile dello Sviluppo Economico lombardo - si parla di un aumento dei costi energetici addirittura triplicati, rendendo evidentemente non conveniente proseguire con la produzione nei mesi che richiedono maggior consumo di energia”.

“Condividiamo l’allarme lanciato dall’assessore allo Sviluppo economico della Lombardia, Guido Guidesi, in merito alle conseguenze che potrebbero derivare dall’aumento esponenziale delle forniture energetiche. Il Governo non può da un lato ribadire ogni giorno - giustamente - che i motori della ripartenza del Paese sono il lavoro e l’impresa e poi non fare nulla per porre un freno al costo, sempre più insostenibile, non solo dell’energia, ma anche delle materie prime, che si somma alla loro crescente carenza”. Così il segretario generale della Cisl Lombardia, Ugo Duci. “Dobbiamo aiutare le imprese a ripartire, invece di assistere inermi al colpo mortale che molte di esse rischiano di ricevere, dopo tutte le difficoltà di questi due anni - afferma Duci -. Ne va anche del futuro e dei destini di tante lavoratrici e lavoratori e della ripresa dell’occupazione, che può ripartire anche da un costante ed efficace governo dei costi dell’energia a carico delle imprese”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli