Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.645,71
    +510,72 (+1,75%)
     
  • Nasdaq

    10.998,25
    +168,74 (+1,56%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9730
    +0,0133 (+1,38%)
     
  • BTC-EUR

    20.104,67
    +426,66 (+2,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    445,72
    +16,94 (+3,95%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.710,60
    +63,31 (+1,74%)
     

Caro energia, cene a lume di candela e menu contenuti, la 'ricetta' di Cristina Bowerman

(Adnkronos) - Degustazioni, menu alla carta più limitati, stop alle speculazioni e ancora cene al lume di candela e più barbecue. E' la 'ricetta' di Cristina Bowerman, tra gli chef più rinomati della cucina italiana, per fare fronte all'aumento dei costi energetici e all'inflazione nel carrello della spesa. "E' aumentato tutto e i fornitori stanno mandando un aggiornamento dei listini, mettendo le mani avanti per le prossime consegne, si parla di un terzo in più, a causa anche dei costi di trasporto. Ma ci sono aumenti di materie prime assolutamente inaspettati come ad esempio quello dei pomodorini, speculazioni sulle quali il governo deve intervenire. E' quanto afferma Bowerman intervistata sul tema dall'Adnkronos.

La strategia per attuare risparmi sulla 'carta' ed evitare sprechi implica però uno spirito di adattamento da parte dei consumatori. "In altri Paesi, dagli Stati Uniti alla Francia, dalla Gran Bretagna alla Danimarca, c'è già la tendenza da oltre 15 anni, che si consoliderà sempre di più da noi, ad avere una carta 'bassissima' e menu degustazioni anche se questo non incontra il favore gli italiani" secondo Bowerman "troppo abituati a scegliere fra tanti piatti che, di questi tempi, non aiutano a risparmiare".

La stessa Bowerman, nel suo ristorante stellato di Trastevere a Roma, rivela di aver già adottato questa 'politica' e di aver messo in carta 6 piatti dai 25 che ne aveva in era pre covid, 'solo' due menu degustazioni rispetto ai tre precedenti. "In totale avrò 25 piatti rispetto ai 45 di prima, un'ampia scelta ma più limitata e così risparmio ore e ore di lavoro per la preparazione non solo per l'acquisto delle materie prime evitando gli sprechi".

"E' urgente mettere un 'cap' al prezzo dell'energia" afferma sottolineando come i prezzi al ristorante, a causa degli aumenti dei costi energetici e di altre voci di spesa sono stati ritoccati, "è inevitabile" sostiene. Quanto a possibili risparmi con cene al lume di candela. "E perché no?" risponde. "Ma non solo, si può risparmiare anche con sistemi di cottura alternativi come il barbecue e gli abbattitori, che sono già entrati nelle nostre cucine".

(di Cristina Armeni)