Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.662,91
    +527,92 (+1,81%)
     
  • Nasdaq

    11.001,82
    +172,31 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9725
    +0,0127 (+1,32%)
     
  • BTC-EUR

    20.101,64
    +416,95 (+2,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    445,62
    +16,84 (+3,93%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.712,59
    +65,30 (+1,79%)
     

Caro spesa, Coldiretti: 1 italiano su 2 taglia il carrello della spesa

(Adnkronos) - Più di un italiano su due, il 51%,risparmia sulla spesa nel carrello a causa dell’aumento record dei prezzi trascinato dai rincari energetici e dagli effetti della guerra in Ucraina che riduce il potere d’acquisto dei cittadini. E’ quanto emerge dai risultati dell’indagine condotta sul sito www.coldiretti.it dalla quale si evidenzia che un altro 18% di cittadini dichiara di aver ridotto la qualità degli acquisti, costretto ad orientarsi verso prodotti low cost per arrivare a fine mese, mentre un 31% di cittadini non ha modificato le abitudini di spesa.

Gli italiani vanno a caccia dei prezzi più bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount alla ricerca di promozioni per i diversi prodotti. Accanto alla formula tradizionale del 3×2 ed ai punti a premio – precisa la Coldiretti – si sono moltiplicate e differenziate le proposte delle diverse catene per renderle meno confrontabili tra loro e più appetibili ai clienti: dalle vendite sottocosto ai buoni spesa.

Nonostante questo gli italiani quest’anno hanno speso per i prodotti alimentari il 3,1% in più per acquistare però quantità inferiori come emerge da un’analisi Coldiretti sui dati Istat relativa al commercio al dettaglio nel primo semestre 2022. La situazione varia naturalmente da prodotto a prodotto con gli italiani che hanno tagliato ad esempio gli acquisti di frutta e verdura, crollati nel 2022 dell’11% in quantità rispetto allo scorso anno scendendo a 2,6 milioni di tonnellate, su valori minimi da inizio secolo (dati Cso Italy/Gfk Italia nel primo semestre).