Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.035,54
    -782,35 (-2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Cartelle esattoriali, "nuova rateizzazione"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Cartelle esattoriali, il vice ministro per l'Economia Antonio Misiani, in un'intervista al Messaggero, parla del rischio che una valanga di cartelle travolga da gennaio i contribuenti. "Nuove sospensioni o nuove proroghe rischierebbero di riprodurre, ulteriormente aggravate, le stesse problematiche al termine della scadenza. Personalmente, credo che servano soluzioni pragmatiche - dice Misiani - E' possibile prevedere forme di rateizzazione con condizioni più favorevoli rispetto a quelle attualmente previste, permettendo alle famiglie e alle imprese interessate di pianificare la ripresa dei versamenti con più calma in relazione ai tempi della ripresa economica".

"Un altro strumento utilizzabile - aggiunge - è una definizione agevolata dei debiti. Dobbiamo discuterne. E, soprattutto, decidere in tempi rapidi. Sullo sfondo, rimane poi il problema del magazzino residuo dei debiti iscritti a ruolo relativi ad anni lontani e difficilmente riscuotibili. E' una massa enorme che non porta risultati e limita l'efficienza dell'azione di riscossione dei crediti più recenti".

Misiani conferma di essere "da sempre diffidente nei confronti dei condoni, perché alla fine della fiera si traducono nel fare parti uguali tra disuguali. La crisi non sta coinvolgendo tutti allo stesso modo e noi dobbiamo dare una mano a chi è in condizione di necessità, evitando misure a pioggia. E' un principio che per me ha valore generale".