Italia markets close in 7 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    25.034,28
    -262,12 (-1,04%)
     
  • Dow Jones

    35.144,31
    +82,76 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    14.840,71
    +3,72 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.970,22
    +136,93 (+0,49%)
     
  • Petrolio

    71,52
    -0,39 (-0,54%)
     
  • BTC-EUR

    31.503,70
    -1.109,86 (-3,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    879,47
    -36,02 (-3,93%)
     
  • Oro

    1.798,20
    -1,00 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1786
    -0,0022 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    4.422,30
    +10,51 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    24.912,14
    -1.280,18 (-4,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.057,77
    -44,82 (-1,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8545
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0806
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4822
    +0,0016 (+0,10%)
     

Case: in Friuli, Trentino e Lombardia i prezzi tornano a crescere di più

·3 minuto per la lettura
Case: in Friuli, Trentino e Lombardia i prezzi tornano a crescere di più
Case: in Friuli, Trentino e Lombardia i prezzi tornano a crescere di più

Nei primi sei mesi del 2021 continua la crescita dei prezzi del mattone (+0,9%). Affari nelle Isole dove calano maggiormente i prezzi (-2,7%). Milano la città più cara

Tutto sommato resta il solito bene rifugio. Nei primi sei mesi del 2021, infatti, il mattone ha confermato la sua resilienza alla pandemia. Secondo i dati dell’Osservatorio di Immobiliare.it, i prezzi medi richiesti per le abitazioni in vendita in Italia hanno continuato a crescere nel primo semestre del 2021, segnando un +0,9%. Ma se allarghiamo l’analisi all’ultimo anno, ecco quali sono le regioni che hanno messo a segno il recupero più interessante.

FRIULI VENEZIA-GIULIA, TRENTINO E LOMBARDIA

Analizzando le variazioni di prezzi richiesti nei 20 capoluoghi di regione, per la tipologia immobiliare residenziale in vendita, le regioni che sono cresciute maggiormente sono Friuli Venezia-Giulia (+8,8% negli ultimi 12 mesi), Trentino Alto-Adige (+5,3%) e Lombardia (+3,1%). Tre le peggiori si mettono in evidenza il Veneto (-8,4% negli ultimi 12 mesi), Campania (-3,4%) e Abruzzo (-2,7%).

MILANO È LA CITTÀ PIU CARA

Per comprare casa oggi la cifra media necessaria è pari a 2.044 euro al metro quadrato. Milano è la città più cara: per sistemarsi sotto la Madonnina bisogna sborsare 4.831 euro al metro quadro. E la crescita dei prezzi non sembra volersi stabilizzare: nei primi sei mesi del 2021 i prezzi delle case in vendita sono aumentati del 2,3%. Segue, con un distacco di quasi 1.000 euro, Firenze (3.967 euro/mq) che invece apre l’anno con un trend leggermente negativo (-0,3% su base semestrale). Sul terzo gradino del podio Roma: i prezzi sono cresciuti dello 0,5% e ci vogliono, di media, 3.286 euro/mq per comperare casa nella Città Eterna.

BOLOGNA E VENEZIA SOPRA I 3MILA EURO/MQ

Sopra i 3.000 euro/mq anche Bologna (3.049 euro/mq) dove anche questo semestre le oscillazioni dei prezzi continuano ad essere positive (+0,3%). 3.000 euro/mq per Venezia. La città lagunare, però, è fanalino di coda per quanto riguarda la crescita: in questi primi sei mesi del 2021 ha messo a segno un decremento del 3,7% rispetto allo scorso semestre.

CATANZARO IL CAPOLUOGO PIÙ ECONOMICO

Dove ci si deve trasferire per spendere meno? Il capoluogo più economico d’Italia è Catanzaro, con i prezzi che stanno al di sotto dei mille euro per metro quadro. Servono solo 986 euro al metro quadro per comprare casa (in calo dello o,3% rispetto allo scorso anno).

CRESCE LA DOMANDA

Nei primi sei mesi del 2021 cresce la domanda: +7,2% rispetto al secondo semestre 2020, con tutte le zone in positivo. Molto bene la richiesta di immobili nelle regioni del Sud, con un incremento dell’11,9% se confrontato con il periodo luglio-dicembre 2020. Tra le nuove tendenze che hanno iniziato a diffondersi con il Covid e sembrerebbero destinate a continuare, c’è quella di preferire piccoli centri.

I PICCOLI CENTRI PIÙ RICHIESTI

Le città medio-piccole sono le più interessanti: in questo primo semestre i centri con meno di 250.000 abitanti hanno visto un incremento della domanda pari all’8,8%, a fronte del +4,5% delle metropoli. A differenza di quanto avviene nei piccoli centri, nelle grandi città – dove gli spazi sono tendenzialmente ridotti – gli acquisti sono spesso dettati dal desiderio di migliorare la propria qualità della vita, optando per una casa più grande e vivibile.

A CACCIA DI AFFARI NELLE ISOLE

Il Nord-Ovest fa da traino alla crescita, con un aumento dei prezzi pari al 2,8% rispetto al semestre precedente; segue il Nord-Est con un aumento dell’1,3%. Sostanzialmente stabili il Centro e il Sud. Nettamente in negativo, invece, le Isole, dove i prezzi degli immobili sono scesi del 2,7% nel primo semestre dell’anno rispetto al precedente. Comprare casa qui potrebbe rivelarsi una scelta vincente per chi cerca l’affare.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli