Italia markets open in 2 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    30.116,95
    +445,25 (+1,50%)
     
  • EUR/USD

    1,2185
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    41.183,88
    -613,07 (-1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.001,69
    +7,03 (+0,71%)
     
  • HANG SENG

    30.282,95
    +564,71 (+1,90%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

Caso GameStop, inizia oggi udienza Congresso Usa. Ceo Robinhood: 'non abbiamo agito a favore hedge fund'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Vlad Tenev, co-fondatore e co-amministratore delegato dell'APP di trading online Robinhood ha scritto in una testimonianza che rilascerà oggi, nel corso della sua audizione sul caso GameStop al Congresso Isa, che "ogni eventuale accusa secondo la quale Robinhood avrebbe agito a favore degli hedge fund o fatto altri interessi speciali, a detrimento dei nostri clienti, è assolutamente falsa e frutto di una retorica che distorce il mercato". Inizia oggi, giovedì 18 febbraio, l'udienza sulla saga GameStop, ovvero sul titolo del gruppo retailer di videogiochi che, in poche settimane, nel mese di gennaio, è volato del 1.600%m sulla scia degli short squeeze fomentati dagli investitori retail partecipanti al forum online Reddit. L'udienza, che si terrà alla Commissione dei servizi finanziari della Camera dei Rappresentanti Usa, si concentrerà "sulla recente volatilità di mercato che ha coinvolto l'azione GameStop e altri titoli". A essere interrogati saranno, tra gli altri, il numero uno di Robinhood Tenev e Steve Huffman, ceo e co-fondatore di Reddit, al fine di comprendere il ruolo che l'APP di trading online e il forum online hanno ricoperto nella crociata lanciata dai piccoli investitori contro il mondo degli hedge fund. Allo stesso tempo, si cercherà di raccogliere informazioni sulla presunta buona fede di Robinhood che, secondo alcuni, avrebbe in quei giorni tradito gli investitori retail fissando limitazioni sul trading di GameStop e di altri titoli su cui i trader amatoriali avevano lanciato l'offensiva rialzista.