Italia Markets open in 1 hr 7 mins

Roberta Siragusa, il racconto di un'amica: "La vidi con un occhio nero in estate"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Roberta Siragusa (Photo: facebook)
Roberta Siragusa (Photo: facebook)

I racconti dei testimoni e degli amici, l’ultima serata trascorsa insieme, l’interrogatorio: le indagini sul caso di Roberta Siragusa, la ragazza di 17 anni trovata senza vita in un Burrone di Caccamo (Palermo), continuano.

Intanto Pietro Morreale, il 19enne che ieri ha fatto trovare il cadavere parzialmente bruciato della fidanzata, è ora indagato per omicidio: lo riporta l’Ansa. Secondo gli inquirenti è lui il principale indiziato della morte della ragazza avvenuta la notte tra sabato e domenica. Il giovane, assistito dagli avvocati Giuseppe Di Cesare e Angela Maria Barillaro, si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio delle scorse ore. Il procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio e il sostituto Giacomo Barbara stanno valutando se fermare il giovane che ieri mattina si è presentato in caserma e ha portato i militari sul luogo del ritrovamento.

Prima di Morreale il magistrato aveva voluto ascoltare una decina di giovani che avevano partecipato sabato sera, insieme alla coppia di fidanzati, a una festa in una villa nella zona di Monte San Calogero nelle campagne di Caccamo, a poca distanza dal luogo in cui è stato recuperato il cadavere della ragazza. I testimoni hanno parlato di un litigio per questioni di gelosia tra i due fidanzati, che si sarebbero allontanati intorno alla mezzanotte dalla casa di campagna.

A Caccamo si racconta che in passato il 19enne avesse mostrato spesso gelosia nei confronti della fidanzata. Repubblica riporta le parole di un’amica di Roberta Siragusa:

“La scorsa estate era arrivato anche alle mani avevo visto Roberta con un occhio nero. I litigi erano proseguiti, poi di recente sembrava essere tornato il sereno”.

“La famiglia è scioccata ed incredula. I genitori ed il fratello di Roberta, chiedono giustizia e si affidano agli inquirenti, perché sia fatta giustizia, per un gesto così crudele e a...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.