Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.515,11
    +849,96 (+1,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Cassa Centrale Banca: nel 2019 utile netto di 221 mln, Cet1 19,7%

Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 23 lug. (askanews) - L'assemblea dei soci di Cassa Centrale Banca - Credito Cooperativo Italiano ha approvato il primo bilancio del Gruppo Bancario Cooperativo: il 2019 si chiuso con un utile netto di 221 milioni e un Cet1 ratio al 19,7%, ai vertici del panorama bancario nazionale per patrimonializzazione. "In questo primo anno abbiamo fatto tutti insieme un grande lavoro - ha commentato Giorgio Fracalossi, presidente di Cassa Centrale Banca - Siamo stati molto impegnati su vari fronti. Cito, solo a titolo di esempio, il completamento dell'architettura societaria che ha portato alla nascita di Allitude, realt leader di mercato nei servizi ICT e di Back Office bancario, che valorizza la straordinaria esperienza e il lavoro delle societ confluite. Di rilievo anche la prosecuzione nelle attivit di riduzione dei crediti deteriorati, che ci ha portato in un triennio a dimezzare l'Npl ratio. Il dato registrava il 9,3% lordo al 31.12.2019 (oggi sceso in area 8,8%), con un tasso di copertura medio del 55%. Nel 2019 il Gruppo, con il coordinamento della controllata Centrale Credit Solutions, ha perfezionato una cartolarizzazione e una cessione di crediti deteriorati per complessivi 1,1 miliardi".