Italia markets open in 1 hour 51 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.402,63
    -260,87 (-0,88%)
     
  • EUR/USD

    1,2028
    -0,0032 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    40.424,09
    +1.515,04 (+3,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    974,65
    -12,00 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    29.034,80
    -417,77 (-1,42%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Cassa Integrazione: autorizzazioni al 97,3% e pagamenti ai lavoratori al 98,3%

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

L’INPS ha gestito circa 3,56 milioni di domande di cassa integrazione per emergenza Covid da parte delle aziende, e ne ha accettate oltre 3,20 milioni, ovvero il 97,3%. Le domande respinte sono 271mila e quelle in lavorazione 88mila, di cui 60mila (quasi il 70%) sono state presentate tra dicembre e gennaio. Sono i numeri aggiornati diffusi oggi dall'ente di previdenza che apostrofa come privi di fondamento i numeri riportati oggi dal quotidiano Repubblica, rimarcando come il numero di lavoratori coinvolti nelle domande in lavorazione non può essere determinato fino a quando non pervengono dalle aziende gli SR41, e non può essere 1,2 milioni come oggi il quotidiano Repubblica erroneamente sostiene, basandosi su una stima priva di metodo. Nell’ultimo trimestre del 2020, in particolare da novembre, si è nuovamente intensificato l’afflusso di domande di autorizzazione e di pagamento. "Nonostante l’afflusso notevole di domande, anche i pagamenti ai lavoratori risultano aver coperto ad oggi il 98,3% delle richieste pervenute, ovvero 16,9 milioni di domande su 17,2 milioni di domande. Sono in lavorazione i pagamenti per 293 mila prestazioni di cui 252 mila giunte a gennaio", denota l'Inps.