Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,06 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    46.851,71
    -4.689,85 (-9,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8654
    -0,0029 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,1006
    -0,0027 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4977
    -0,0033 (-0,22%)
     

Castelli: Recovery avrà effetti se scatta sistema-Paese

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 apr. (askanews) - "Il tema del Recovery Plan ci pone diverse sfide che non riguardano solo l'utilizzo delle risorse che arriveranno, le norme che dobbiamo cambiare per velocizzare i processi e i progetti da scegliere, ma, ad esempio, anche l'effettiva ricaduta in termini economici nel lungo periodo. È per questo che è importante mettere in moto l'intero sistema Paese, assicurarsi che le filiere siano pronte, che i soggetti che dovranno mettere a terra i progetti, attingendo auspicabilmente a "fornitori" interni, siano capaci di coprire tutta la domanda necessaria a manifestare le ricadute economiche in termini di Pil, di occupazione e di sviluppo in Italia". Lo sostiene il viceministro dell'Economia Laura Castelli in una lettera al Sole 24 Ore.

Secondo Castelli "se saremo capaci di prepararci, l'effetto moltiplicatore del Recovery durerà anni. È un'opportunità unica per l'Italia, sicuramente, ma anche per l'intera Comunità europea". Per il viceministro "potremmo ricominciare a pensare a una nuova Europa nella quale i Paesi membri non si facciano una concorrenza spietata, ma anzi dimostrino di essere capaci di ragionare come una squadra, potenziando gli asset strategici europei delle proprie società private, e integrando in modo verticale la propria supply chain delle partecipate di Stato. Per le imprese più piccole, invece, attraverso la realizzazione di linee guida condivise, utili a preparare il sistema produttivo ad accogliere le richieste di bando di gara per lavori, formazione, servizi alla persona".

"Solo cosi - conclude Castelli - saremo sicuri di attivare tutte le risorse del Recovery, in una rinnovata partnership pubblico-privato. Penso sia questo il modo migliore di interpretare le cosiddette flagship europee su temi importanti come power up, rinnovamento, ricarica e rifornimento, connessione e modernizzazione. Questo è il vero "indotto" del Recovery, e può nascere solo da una reale sinergia tra istituzioni e mondo produttivo".