Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.276,34
    -51,45 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    13.446,82
    +67,77 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    28.406,84
    +582,01 (+2,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2223
    +0,0067 (+0,55%)
     
  • BTC-EUR

    35.699,90
    +571,82 (+1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.223,27
    -29,88 (-2,38%)
     
  • HANG SENG

    28.593,81
    +399,72 (+1,42%)
     
  • S&P 500

    4.160,84
    -2,45 (-0,06%)
     

Cauto ottimismo sulle Borse Ue in attesa delle parole di Powell (Fed) sull’inflazione

Antonio Cardarelli
·3 minuto per la lettura
Cauto ottimismo sulle Borse Ue in attesa delle parole di Powell (Fed) sull’inflazione
Cauto ottimismo sulle Borse Ue in attesa delle parole di Powell (Fed) sull’inflazione

Apertura in leggero rialzo per i principali listini europei, Piazza Affari intorno alla parità appesantita da Saipem. Questa sera (20,30 italiane) la conferenza stampa di Powell al termine del meeting Fed

Aprono in verde le principali Borse europee, anche se Milano sembra faticare più delle altre. Il FTSE MIB apre poco sopra la parità mentre Francoforte, Londra e Parigi partono con rialzi intorno allo 0,3%. Nella mattinata europea i futures di Wall Street non segnano una direzione precisa.

ATTESA PER LA FED

Gli occhi degli investitori sono puntati sulla conferenza stampa in programma questa sera (20,30) italiane del governatore della Federal Reserve Jerome Powell. In particolare, l’attenzione sarà sulle parole relative all’inflazione e agli eventuali indizi della volontà di fissare un termine per la fine delle politiche accomodanti in vista della ripresa economica. Finora lo stesso Powell ha sempre glissato su questa possibilità, spiegando come ci sia ancora bisogno del sostegno monetario e di come la crescita dell’inflazione sia poco più di una fiammata temporanea.

TRIMESTRALI USA

L’altro tema rilevante per gli investitori è quello delle trimestrali. Dopo Tesla, nella serata di ieri sono arrivati i report di Alphabet-Google e Microsoft. Entrambi hanno battuto le attese, ma la risposta del mercato negli scambi after hours è stata diversa, con Google in crescita del 5% (anche grazie all’annuncio di un buyback azionario da 50 miliardi di dollari) e Microsoft in calo del 3%. Negli Usa questa sera sveleranno i conti Amazon, Apple, Facebook e Spotify.

CONTI POSITIVI PER DEUTSCHE BANK, DELUDE SAIPEM

In Europa sono arrivati i conti trimestrali di Deutsche Bank, che ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di un miliardo di euro, miglior risultato in sette anni e in netta crescita rispetto ai 66 milioni di euro dello stesso periodo del 2020. A Piazza Affari oggi sono attesi i conti di Atlantia, Fineco, Intesa, UnipolSai e Prysmian dopo la pubblicazione dei conti Saipem, che hanno deluso il mercato e portano il titolo in calo del 2,7% dopo i primi scambi e poco dopo alla sospensione per ribassi oltre il 10%. Sulle finanze della società pesa soprattutto lo stop del progetto in Mozambico con Total, che mette a rischio la guidance futura. Sempre in Europa, questa volta sul fronte dati, a sorpresa l’indice di fiducia dei consumatori tedeschi Gfk di maggio è sceso di 8,8 punti contro le attese di -5 punti. A pesare sono state le restrizioni imposte con i nuovi lockdown.

ASIA E MATERIE PRIME

Seduta positiva per le Borse asiatiche. Tokyo chiude in leggero rialzo (+0,21%) grazie alla debolezza dello yen sulle principali valute e alle notizie positive provenienti dalle grandi corporation giapponesi, soprattutto del settore high-tech. Viaggiano in verde anche Hong Kong (+0,3%) e Shanghai (+0,4%). Sul fronte materie prime, petrolio in lieve rialzo a 66,7 dollari al barile nel Brent giugno e a 63,2 dollari al barile nel contratto giugno del Wti: l'Opec+ ha confermato un aumento graduale delle forniture con l'aumento della domanda. Oro in leggero calo a 1.766 dollari l’oncia (-0,6%). Lo spread Btp/Bund è sostanzialmente invariato rispetto a ieri a quota 107 punti base.