Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.640,82
    +252,95 (+2,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Cayman cancellate da lista Ue dei paradisi fiscali, ma ne arrivano di nuovi

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Gli Stati membri dell'Ue riuniti nell'Ecofin hanno aggiunto due Paesi, Barbados e Anguilla, alla lista Ue delle giurisdizioni fiscali non collaboranti, a causa di problemi riguardanti la trasparenza, mentre hanno rimosso dalla lista le Cayman Islands e l'Oman, che hanno rispettato gli impegni presi.

Oggi nella lista figurano 12 Paesi: Samoa Americane, Anguilla, Barbados, Fiji, Guam, Palau, Panama, Samoa, Seychelles, Trinidad e Tobago, Vanuatu e Isole Vergini Usa.

Per l'eurodeputato Pedro Marques, portavoce S&D sui temi fiscali, "le Cayman guidano la 'race to the bottom', offrendo aliquote zero, facilitando società e super ricchi nell'evitare di pagare la loro giusta quota di tasse. Chiaramente, i criteri Ue per mettere in black list i paradisi fiscali non funzionano".