Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,68 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -0,21 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    23.691,39
    -352,52 (-1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +3,40 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0263
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,22 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9653
    -0,0062 (-0,63%)
     
  • EUR/CAD

    1,3092
    -0,0079 (-0,60%)
     

Cdm lampo sulla siccità, approvato stato di emergenza per 5 Regioni: stanziati 35 milioni di euro

cdm lampo sulla siccità
cdm lampo sulla siccità

Cdm lampo sulla siccità. Nel tardo pomeriggio di lunedì 4 luglio, il Consiglio dei ministri si è riunito a Palazzo Chigi. L’incontro, durato appena una manciata di minuti, è stato incentrato sulla siccità e ha dato il via libera allo stato di emergenza per 5 Regioni italiane ossia per Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Friuli Venezia-Giulia. In totale, sono stati stanziati oltre 35 milioni di euro per fronteggiare la crisi.

Approvato stato di emergenza per 5 Regioni: stanziati oltre 35 milioni di euro

Nel tardo pomeriggio di lunedì 4 luglio, il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza per siccità per 5 Regioni dell’Italia settentrionale. Si tratta, nello specifico, di Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Friuli Venezia-Giulia.

Insieme allo stato di emergenza, sono stati stanziati oltre 35 milioni di euro per far fronte alla situazione di estrema criticità. I fondi sono stati ripartiti tra le Regioni: l’Emilia-Romagna beneficerà di 10,9 milioni di euro, la Lombardia di 9 milioni, il Piemonte di 7,6 milioni, il Veneto di 4,8 milioni e, infine, il Friuli Venezia-Giulia potrà disporre di 4,2 milioni.

A quanto si apprende, il Cdm lampo sulla siccità ha avuto una durata di soli 10 minuti e prevede che lo stato di emergenza resti in vigore fino al 31 dicembre 2022. L’approvazione della misura, inoltre, è “volta a fronteggiare con mezzi e poteri straordinari la situazione in atto, con interventi di soccorso e assistenza alla popolazione interessata, e al ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche”.

Cdm lampo sulla siccità: i punti all’ordine del giorno

La riunione del Consiglio dei ministri è stata convocata a Palazzo Chigi alle ore 19:30 per discutere l’ordine del giorno “dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla situazione di deficit idrico in atto nei territori delle Regioni e delle Province Autonome ricadenti nei bacini distrettuali del Po e delle Alpi orientali, nonché per le peculiari condizioni ed esigenze rilevate nel territorio delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto”.

L’incontro è stato presieduto dal presidente del Consiglio Mario Draghi, rientrato nella Capitale dopo aver tenuto una conferenza stampa a Canazei e aver incontrato le famiglie delle vittime della tragedia della Marmolada.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli