Italia markets close in 5 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    24.341,54
    -461,36 (-1,86%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,45
    -0,47 (-0,72%)
     
  • BTC-EUR

    46.044,80
    -1.972,00 (-4,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.494,85
    -66,45 (-4,26%)
     
  • Oro

    1.838,90
    +1,30 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0034 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.937,96
    -96,29 (-2,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8601
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0977
    +0,0043 (+0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,4720
    +0,0036 (+0,25%)
     

Centinaio: meno zootecnia? Se significa carne sintetica no grazie

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 apr. (askanews) - "Se ridurre la zootecnia significa fare ricorso alla carne sintetica diciamo 'No grazie'. Non possiamo correre il rischio di ritrovarci nella stessa situazione in cui ci siamo trovati per quanto riguarda i vaccini: ovvero dipendere da chi detiene i brevetti. Tanto più che si sta parlando di un bene primario per eccellenza, ovvero il cibo". Così in una nota il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio.

"Permettere che l'ideologia guidi le nostre scelte è rischioso, lo è in politica, così come quando si decide cosa mettere o meno nel nostro piatto. La zootecnia italiana - ricorda Centinaio - è tra le più sostenibili in Europa, e quindi tra le più sostenibili nel mondo. E le nostre regioni hanno produzioni di eccellenza che vantano riconoscimenti Dop e Igp. Eppure in questi giorni carne e latticini sono motivo di dibattito e oggetto di nuovi attacchi da parte di associazioni ambientaliste" che hanno chiesto a Bruxelles politiche in grado di ridurre il loro consumo del 70% entro il 2030 e dell'80% entro il 2050 rispetto ai livelli attuali.

"Vorremmo conoscere nel dettaglio gli studi scientifici che giustificherebbero queste richieste e la nostra domanda è: con cosa si vorrebbe sostituirli? Con carne sintetica - chiede Centinaio - e cibi prodotti in laboratorio da multinazionali in nome del Green? L'agricoltura è uno dei pochi settori che è riuscito a ridurre le proprie emissioni di CO2 negli ultimi anni e l'Europa ha i più alti standard al mondo per il benessere animale. Se smettessimo di promuovere la nostra produzione alimentare sarebbe solo a discapito degli animali da allevamento e dell'ambiente, a vantaggio di altri paesi", conclude il sottosegretario.