Italia markets open in 2 hours 43 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.916,93
    +45,66 (+0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,0583
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • BTC-EUR

    19.578,90
    -562,86 (-2,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    449,90
    -11,89 (-2,58%)
     
  • HANG SENG

    22.039,11
    -190,41 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Centinaio: rigassificatore Piombino danneggia agroalimentare

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 giu. (askanews) - "Il progetto di un impianto di rigassificazione nel porto di Piombino rischia di causare ingenti danni ai produttori ittici e a tutto l'agroalimentare della zona, non solo sul piano strettamente produttivo, ma anche su quello dell'immagine, oltre a compromettere le attività turistiche e balneari". Il sottosegretario Mipaaf Gian Marco Centinaio si è rivolto al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai ministri delle Politiche agricole alimentari e forestali, Stefano Patuanelli, della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, e del Turismo, Massimo Garavaglia, per esprimere loro la forte preoccupazione, sua e di tanti rappresentanti del settore primario della Toscana, riguardo al posizionamento di un rigassificatore nel golfo di Follonica.

Nella zona, ricorda il sottosegretario, "operano aziende di itticoltura e di maricoltura, per un totale di quasi duecento addetti, che lo rendono il primo polo produttivo italiano con circa 7mila tonnellate di pescato all'anno, pari a oltre il 60 percento della produzione nazionale". "Sarebbe insensato se, per compensare le perdite, dovessimo poi essere costretti a importare dall'estero".

Non solo, sul territorio circostante l'area interessata, ci sono "numerose attività agricole, produzioni ortofrutticole, allevamenti di bestiame e la zona di produzione di indicazioni geografiche agroalimentari e vitivinicole, quali il Val di Cornia Rosso DOCG ed il Suvereto DOCG" e anche "numerose attività turistiche e balneari che da tanto tempo hanno puntato su uno sviluppo economico sostenibile, naturalistico, e di basso impatto ambientale".

"Oltre ai pericoli legati al funzionamento stesso del rigassificatore - continua Centinaio - si pagherebbe anche un alto prezzo in termini d'immagine, dal momento che buyers della media e grande distribuzione acquistano pescato locale per la qualità del prodotto e per la garanzia offerta dalla localizzazione geografica, dal momento che la Toscana ha una fortissima immagine di marketing soprattutto nell'agroalimentare".

Considerata dunque "l'assenza ad oggi di garanzie di un simile impianto e le perplessità alla realizzazione dell'opera" il sottosegretario chiede a premier e ministri di "acquisire i dettagli del progetto e le garanzie sulla sostenibilità in tutte le sue fasi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli