Italia markets open in 4 hours 56 minutes
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.426,60
    -181,99 (-0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,2139
    -0,0013 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    47.008,96
    +1.007,09 (+2,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.536,68
    +1.294,00 (+533,22%)
     
  • HANG SENG

    28.045,12
    +31,31 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     

Centri commerciali, riaprire nel week end anche in zone arancioni

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

I centri commerciali, in base alla road map sulle riaperture, riapriranno il 15 maggio nei week end nelle zone gialle ma i rappresentanti di queste attività esprimono ancora qualche "perplessità" in merito al fatto che quelli nelle zone arancioni non potranno ancora ripartire a pieno ritmo. "Abbiamo visto la bozza in entrata ma non abbiamo ancora letto il testo ufficiale, lo aspettiamo, perché siamo piuttosto perplessi sul fatto che le aree gialle e arancioni, per quanto riguarda i centri commerciali, siano sempre state equiparate a livello di trattamento ma, nella bozza circolata si parla di riapertura dal 15 maggio nei festivi e prefestivi solo nelle aree gialle", afferma Roberto Zoia, presidente di Cncc–Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali, intervistato dall'Adnkronos all'indomani del Cdm che ha varato le nuove misure.

Ed è per questo motivo che ieri pomeriggio "abbiamo chiesto assieme alle altre associazioni del commercio se fosse possibile equiparare nuovamente zona gialla e arancione anche a livello di riaperture" riferisce il presidente esprimendo altre perplessità per il fatto che in zona arancione ci si possa trovare con i centri commerciali chiusi e le persone riversate in strada e poi un'altra ancora, che riguarda i cinema.

Quanto alle date per le riaperture un po' di delusione è palpabile. "Viste le attività che potranno riaprire il 26 aprile avremmo anche sperato di poter anticipare l’apertura" aggiunge Zoia. "Siamo chiusi dal 3 novembre tutti i weekend e a questi giorni vanno sommati i giorni di chiusura totale in zone rosse. Dal primo lockdown la Lombardia, la regione più colpita, conta circa 178 giorni di chiusura per centri, parchi e gallerie commerciali e a livello nazionale la media è 140 giorni di chiusura". "Siamo perplessi perché le perdite sul giro d'affari - spiega - sono significative per le imprese del commercio nell’ordine del -40% rispetto al 2019 e una conseguente diminuzione del fatturato annuo complessivo stimabile in 56 miliardi di euro. Numeri che mettono a repentaglio la tenuta delle aziende, con il rischio di forti ricadute occupazionali".