Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.683,90
    +568,39 (+2,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Ceo Moderna: Covid-19 non andrà via, dovremo vivere con questo virus per sempre'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Il coronavirus, esattamente il SARS-CoV-2, "non andrà via", e il mondo dovrà conviverci per sempre. Lo ha detto il numero uno di Moderna - la società americana che ha lanciato un proprio vaccino per prevenire il coronavirus -, l'amministratore delegato Stephane Bancel, nel corso di una conferenza organizzata da JPMorgan, la JP Morgan Healthcare Conference. "Credo che dovremo vivere con questo virus per sempre", ha detto Bancel, affermando che la malattia diventerà endemica, dunque costantemente o spesso presente, anche se con una intensità inferiore a quella attuale. Riguardo al vaccino prodotto dalla sua società, al momento inoculato in diverse parti del mondo e arrivato giorni fa anche in Italia, Bancel ha detto di ritenere che gli Stati Uniti si confermeranno uno dei primi grandi paesi a raggiungere "una protezione sufficiente" contro il virus. Il sito della Cnbc, nel riportare la notizia, ricorda che esistono già quattro coronavirus al mondo che sono endemici, ma che non sono contagiosi o mortali come il Covid-19, stando all'Organizzazione mondiale della Sanità (World Health Organization-WHO). Nella giornata di ieri, intanto alcuni ricercatori dell'Ohio hanno reso noto di aver scoperto due nuove varianti probabilmente originate negli Stati Uniti: di queste, una si è diffusa velocemente a Columbus, in Ohio, nelle tre settimane comprese tra la fine di dicembre e l'inizio di gennaio. Nelle ultime settimane, preoccupazioni hanno destato la variante inglese, sudafricana e giapponese.