Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.907,59
    +129,83 (+0,37%)
     
  • Nasdaq

    13.457,23
    -295,01 (-2,15%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2155
    -0,0013 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    46.678,14
    -995,64 (-2,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.516,90
    -44,39 (-2,84%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.209,55
    -23,05 (-0,54%)
     

Cerved: finanza sostenibile per la ripresa ma pmi a rischio esclusione

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 apr. (askanews) - A causa della pandemia potrebbero venire meno 65 miliardi di investimenti delle imprese nel 2020-2021: il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la finanza sostenibile potrebbero però innescare una ripresa orientata alla transizione verde e ai nuovi bisogni sociali. I crescenti flussi di finanza Esg potrebbero finanziare la transizione digitale e ambientale e innescare una ripresa sostenibile: tuttavia, in Italia solo poche centinaia di imprese hanno la capacità di intercettare questi flussi e la massa di pmi rischia di rimanere ai margini. E' quanto emerge dal Rapporto Italia Sostenibile elaborato da Cerved.

La situazione all'interno della Penisola risulta molto differenziata, con un netto divario tra Nord e Sud, dovuto a una forte correlazione tra la condizione economica dei territori e la sostenibilità sociale e ambientale, che rischia di ampliarsi ulteriormente per effetto del Covid. "Il rapporto è il contributo che Cerved vuole dare al Paese - ha dichiarato Andrea Mignanelli, amministratore delegato di Cerved Group - per stimolare un approccio data-driven ai problemi della sostenibilità. Stimiamo che per effetto del Covid il tasso di disoccupazione potrebbe arrivare al 17%, con effetti potenzialmente critici per le province che hanno sistemi sociali più deboli. Non parliamo solo del Sud, ma anche di alcune province come Rimini, Aosta, Imperia, Livorno, molto colpite dalla pandemia e con profili di sostenibilità sociale fragili".

"La finanza Esg sta già veicolando grandi masse di fondi verso progetti sostenibili - ha sottolineato Mignanelli - e la regolamentazione bancaria amplierà ancora di più la portata di questo fenomeno. L'Italia, con una struttura produttiva fatta di piccole imprese, fuori dai radar di questi investitori, rischia però di rimanerne ai margini: è necessario promuovere la rendicontazione Esg e prevedere incentivi a sostegno delle pmi, perché anche loro possano accedere a questi fondi".