Italia markets open in 7 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.398,44
    -87,36 (-0,37%)
     
  • EUR/USD

    1,1786
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    11.620,26
    +2,40 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    271,00
    +9,71 (+3,72%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Ceta, Coldiretti: raddoppia import carne e grano da Canada -2-

Red/Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 19 set. (askanews) - A preoccupare - sottolinea la Coldiretti - è anche la crescita record del 91% delle importazioni di carne canadese, visto che nel Paese nord americano per l'alimentazione degli animali è consentito l'uso di derivati di sangue, peli e grassi trattati ad alte temperature, senza indicazione in etichetta, un sistema che in Europa è vietato da oltre venti anni a seguito dello scandalo della mucca pazza. Proprio quell'emergenza - afferma la Coldiretti - è costata all'Italia e all'Europa un pesante bilancio in termini di perdite di vite umane, costi sociali ed economici, con il panico che si era diffuso fra i consumatori mentre carcasse di mucche e vitelli bruciavano in enormi roghi per arginare l'epidemia. "La presenza sui mercati esteri è vitale per il made in Italy ma negli accordi di libero scambio va garantita reciprocità delle regole e salvaguardata l'efficacia delle barriere non tariffarie perché non è possibile agevolare l'importazione di prodotti ottenuti secondo modalità vietate in Italia", ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini. "Occorre lavorare per una profonda revisione dell'accordo che tuteli il Made in Italy dalla concorrenza sleale e garantisca ai consumatori la sicurezza alimentare".