Italia markets open in 7 hours 7 minutes

Cgil: Jobs act viola carta sociale europea, ripartire da art. 18

Vis

Roma, 11 feb. (askanews) - "Dal comitato europeo dei diritti sociali arriva una buona notizia che rappresenta una vittoria della Cgil: l'Italia, con il Jobs act, viola il diritto delle dei lavoratori a ricevere un congruo indennizzo o altra adeguata riparazione in caso di licenziamento illegittimo, così come sancito dalla Carta sociale europea". E' quanto fa sapere la Cgil a seguito della decisione del comitato in merito al reclamo collettivo presentato nel 2017 dall'organizzazione guidata da Maurizio Landini con il sostegno della Confederazione europea dei sindacati (Ces).

"Il comitato - si legge in una nota - ha accolto tutte le contestazioni espresse dalla Cgil e ha riconosciuto che il decreto legislativo n. 23/2015 è in contrasto con l'art. 24 della Carta sociale europea, che sancisce il diritto alla reintegra per ogni lavoratore ingiustamente licenziato, oppure, se questa non è concretamente praticabile, un risarcimento commisurato al danno subito, senza tetti di legge".

(Segue)