Italia markets open in 1 hour 44 minutes
  • Dow Jones

    31.270,09
    -121,43 (-0,39%)
     
  • Nasdaq

    12.997,75
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.935,72
    -623,38 (-2,11%)
     
  • EUR/USD

    1,2061
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    41.256,15
    +155,37 (+0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    997,25
    +10,04 (+1,02%)
     
  • HANG SENG

    29.151,33
    -729,09 (-2,44%)
     
  • S&P 500

    3.819,72
    -50,57 (-1,31%)
     

Charlene svela il motivo del nuovo look: "Una mia decisione. Ci sono cose più importanti di cui parlare"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Charlene di Monaco (Photo: getty - Reuters)
Charlene di Monaco (Photo: getty - Reuters)

“Il taglio di capelli rasato? È stata una mia scelta e mi fa piacere”. Così la principessa Charlène di Monaco risponde a chi gli chiede del cambio look che tanta attenzione e clamore aveva scatenato lo scorso dicembre. La consorte di Alberto II di Monaco ha parlato alla rivista francese Point de Vue: “Probabilmente, di tutti i membri delle famiglie reali, sono io quella che ha provato le acconciature più diverse e continuerò a farlo”.

“Osservazioni come ‘ma cosa sta facendo?’ e ‘non è da altezza reale’, le conosco fin troppo bene. E non ho niente da dire loro, tranne che siamo nel 2021 e che in questi tempi così preoccupanti e difficili, ci sono argomenti molto più importanti che meritano la nostra attenzione”, ha detto Charlene.

E ancora, riferendosi ai gemelli avuti da Alberto II, la principessa ha affermato: “Quello che conta è che Jacques e Gabriella adorano vedere la madre con il suo nuovo stile. Mio marito? Una volta svanito l’effetto sorpresa, anche il principe ha capito e ora gli piace”.

La coppia è convolata a nozze il 1º luglio 2011, mentre i loro bambini sono nati il 10 dicembre 2014, battezzati Gabriella Thérèse Marie e Jacques Honoré Rainier. Quest’ultimo, sulla base della legge semisalica in vigore nel principato di Monaco, è il primo in linea di successione al trono.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.