Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.287,88
    +127,10 (+0,37%)
     
  • Nasdaq

    13.506,05
    +153,26 (+1,15%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    86,80
    +0,19 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    33.255,80
    +544,92 (+1,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    842,69
    +0,24 (+0,03%)
     
  • Oro

    1.783,80
    -9,30 (-0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1153
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.363,20
    +36,69 (+0,85%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8327
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0377
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4254
    +0,0066 (+0,46%)
     

Chi è Luigi Busà, karateka oro a Tokyo: "Ho lottato contro l'obesità. Solo mio padre credeva in me"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: Harry How via Getty Images)
- (Photo: Harry How via Getty Images)

È Luigi Busà la medaglia d’oro nel karate, specialità kumite 75 kg, alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Il 33enne siciliano sconfigge in finale lo storico rivale-amico: il 35enne azero Rafael Aghayev per 1-0. È il nono oro per l’Italia team ai Giochi, la trentasettesima medaglia in totale, un nuovo record assoluto.

Carabiniere, nato ad Avola (Siracusa) il 9 ottobre del 1987, Busà ha due sorelle, Lorella e Cristina, anche loro campionesse di karate specializzate nel kumite. L’azzurro - due volte campione del mondo in carriera - ha iniziato il suo percorso nel mondo delle arti marziali anche grazie all’incoraggiamento del padre.

”È cominciata come un gioco, all’inizio ero un ragazzo obeso, chi poteva pensare alle Olimpiadi? A 13 anni pesavo 94 chili, ed ero più basso di adesso. Solo mio padre vedeva in me qualcosa di speciale, lui è stato atleta, vedeva comunque che da piccolo vincevo campionati cadetti e qualcosa di serio potevo diventare. l problema è che a 16 anni combattevo nei pesi massimi, e mi fecero capire che a livello internazionale non sarebbe stata una buona scelta: colpi e impatti troppo duri. Dovevo dimagrire, scendere nei medi a 75 chili. Ho fatto la dieta, e da quella categoria non mi sono più mosso. Dal gioco sono passato al lavoro, nel centro sportivo dei Carabinieri: sono appuntato”, ha raccontato Busà a Repubblica alla vigilia della sua avventura a Tokyo 2020.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli