Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.255,32
    -575,69 (-2,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Chiusura Borsa Italiana: Unicredit la peggiore del Ftse Mib, annaspano anche Poste e Mediobanca

Redazione Finanza
·2 minuto per la lettura

Inciampa Piazza Affari nell'ultima seduta del mese di novembre. L’indice Ftse Mib, reduce da quattro settimane in forte rialzo che hanno portato a un balzo mensile record del 23%, ha chiuso la giornata in calo dell’1,30% in area 22.060 punti complici le vendite che stanno colpendo oggi Wall Street. Affiorano sui mercati delle prese di beneficio dopo i rialzi record di novembre. Il Black Friday ha segnato un crollo del 52% delle vendite nei negozi fisici compensato solo in parte dal +21,6% degli acquisti online. In attesa dei responsi della due giorni di meeting Opec/Opec+, il prezzo del petrolio è sceso con decisione e hanno pagato dazio i titoli oil con Eni scivolata indietro di oltre il 3%, così come Tenaris. Protagonista in negativo è stata anche Unicredit, arrivata a cedere quasi il 5% complice l'emergere di tensioni sul fronte governance. Stando a quanto riferito da vari organi stampa, stanno emergendo divisioni crescenti all'interno del cda sulla strategia da portare avanti nel prossimo futuro soprattutto sul fronte M&A. Sarebbe in bilico la posizione del ceo Jean Pierre Mustier, da sempre contrario a ogni scenario di aggregazione. In generale si sono mosse in calo anche le altre banche: -3,04% Bper e -0,99% Intesa Sanpaolo. Giornata no tra i finanziari anche per Mediobanca (-3,31%) e Poste (-2,9%). Tra i titoli a schivare le vendite invece spicca Pirelli (+3,57% a 4,50 euro) che si giova della promozione arrivata dagli analisti di Intesa Sanpaolo che hanno alzato la raccomandazione da "add" a "buy" con un obiettivo di prezzo salito a 5,4 euro per azione. La nuova valutazione implica un potenziale upside del 20% circa rispetto ai prezzi attuali. Segno più anche per Diasorin (+2,2%) e Prysmian (+1,97%).