Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.227,76
    +186,17 (+1,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    332,30
    -5,20 (-1,54%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5526
    +0,0024 (+0,16%)
     

Chiusura Ftse Mib: Bper la migliore, sprint anche per Stm e Terna

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari regina d'Europa oggi con il Ftse Mib che ha chiuso in progresso dello 0,79% a 21.706 punti. Bene le banche con Bper (+4,14% a 1,484 euro) e Banco BPM (+3,66% a 1,939 euro) sostenute dalle parole del ceo di Unipol, Carlo Cimbri, che si è detto favorevole alla potenziale creazione dell'asse Bper-Banco Bpm, a patto che crei valore per i soci. "L'idea di creazione del terzo gruppo bancario italiano attraverso l'aggregazione tra Banco Bpm e Bper è affascinante sia sotto il profilo industriale sia perchè si tratterebbe di un grande progetto italiano", ha sottolineato il top manager di Unipol. L'unione delle due realtà andrebbe a creare un gruppo da 300 miliardi di attivi e sinergie rilevanti. In spolvero anche Unipol con un balzo nell'ordine del 4%. L'ad Cimbri ha ribadito l'intenzione di distribuire 600 mln in arco piano. Al momento i 200 mln di dividendi relativi all'utile 2019 sono stati accantonati e saranno distribuiti non appena consentito dal regolatore. Tra i migliori anche STM, Prysmian, Snam e Terna, tutte salite di oltre il 2%. Giornata positiva a Piazza Affari per il titolo Generali salito dello 0,96% a quota 14,205 euro, sostanzialmente in linea con i guadagni che sta mettendo a segno il Ftse Mib. Oggi gli analisti di Credit Suisse hanno rivisto al rialzo la valutazione sul Leone di Trieste a 14 euro dai 12,50 euro indicati in precedenza. Credit Suisse, che conferma il rating underperform, ha rivisto le stime sull'EPS 2020 del 4% alla luce dei risultati a livello operativo migliori delle attese nei primi 9 mesi dell'anno.