Chiusura in rosso per le borse della regione Asia-Pacifico

Tutte le principali  borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in rosso.

Lo Shanghai Composite ha perso l'1,6% a 2.071,51 punti. Sul mercato azionario cinese hanno pesato i timori relativi allo stato di salute dell'economia. La Commissione Europea ha tagliato ieri le stime sul PIL della zona euro nel 2012 e nel 2013. Bruxelles prevede un ritorno alla crescita solo nel 2014. Gli investitori temono inoltre che gli Stati Uniti non riusciranno ad evitare il "fiscal cliff", il precipizio fiscale che potrebbe scatenarsi dall'entrata in vigore contemporanea di aumenti alle tasse e di forti tagli alle spese governative. Tra i bancari Bank of Communications ha perso l'1,4%, Shanghai Pudong Development Bank il 2% e Minsheng Banking Corp l'1%. Tra i minerari Aluminum Corporation of China ha perso il 2,3%, Jiangxi Copper il 2,8% e Zijin Mining il 2,3%. Tra i petroliferi PetroChina ha perso l'1,1% e Sinopec l'1,6%.

Tra gli altri indici della regione l'Hang Seng ad Hong Kong ha perso il 2,4%, il FTSE Straits Times a Singapore l'1% l'S&P/ASX 200 a Sydney lo 0,7%, il Kospi a Seul l'1,2% e il Taiex a Taipei lo 0,6%.

Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 18.130,66 +2,10% 7 dic 17:35 CET
Eurostoxx 50 3.142,24 +1,34% 7 dic 17:50 CET
Ftse 100 6.902,23 +1,81% 7 dic 17:35 CET
Dax 10.986,69 +1,96% 7 dic 17:45 CET
Dow Jones 19.549,62 +1,55% 7 dic 22:49 CET
Nikkei 225 18.496,69 0,00% 7 dic 07:00 CET

Ultime notizie dai mercati