Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.059,59
    +18,00 (+0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    329,04
    -8,45 (-2,50%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8988
    +0,0072 (+0,80%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5530
    +0,0028 (+0,18%)
     

Chiusura palestre: per Technogym rischi non solo in Italia, analisti vedono frenata della ripresa

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

In territorio negativo oggi a Piazza Affari il titolo Technogym che al momento cede l’1,44% a 6,15 euro. Il nuovo DPCM, annunciato ieri dal Premier Giuseppe Conte per arginare i contagi dal Coronavirus in Italia, in vigore dal 24 ottobre al 24 novembre, impone la chiusura di palestre e centri fitness. Secondo Banca Imi, pur sottolineando che l'Italia rappresenta circa il 9% del fatturato del gruppo, Technogym è esposta al rischio di ulteriori blocchi o restrizioni in ogni paese in cui opera. “Pensiamo che l'attuale peggioramento della pandemia potrebbe frenare la prevista ripresa del segmento B2B (circa 85% delle vendite nel 2019) e accelerare ulteriormente la crescita del segmento B2C (circa 15% del fatturato nel 2019, +50% a/a in 1H20)” concludono.