Italia Markets close in 3 hrs 15 mins

Chiusura Piazza Affari: exploit di alcune big traina Milano, FCA balza ai top da febbraio

Redazione Finanza
·3 minuto per la lettura

Piazza Affari inanella un'altra seduta in rialzo. Il Ftse Mib, reduce dall’oltre +5% della vigilia, ha chiuso oggi a 20.851 punti con un +0,49% di giornata. A dare fiato agli acquisti in Borsa è ancora l'onda lunga della notizia del vaccino Pfizer che presto potrebbe essere disponibile. Gli esperti di MPS Capital Services sottolineano come i riscontri molto positivi di Pfizer (lo studio clinico di fase 3 ha mostrato un'efficacia oltre il 90%) sono confortanti anche per i vaccini di altre società come Astrazeneca e Moderna che utilizzano un approccio simile a quello di Pfizer e che potrebbero seguire nelle prossime settimane con annunci simili. Gli investitori hanno continuato a comprare a mani basse alcune delle big di Piazza Affari rimaste indietro in questo 2020. La rotazione settoriale conferma premiare banche e titoli oil anche se oggi gli acquisti si sono fatti più selettivi con la predilezione per i nomi più blasonati del Ftse Mib. Così tra gli oil spicca il nuovo balzo di ENI che segna oggi +4,07% in area 7,687 euro. Oggi gli analisti di Equita alla luce del newsflow positivo riguardante i risultati confortanti del vaccino anti-Covid-19, hanno confermato la view positiva sul titolo ENI (raccomandazione buy con target price a 10 euro) aumentando il peso in portafoglio di 50 bps. Tra le banche spicca ancora una volta la corsa di Unicredit e Intesa Sanpaolo, entrambe salite di oltre il 5% oggi. Unicredit in particolare con il balzo di oggi torna sopra la soglia degli 8 euro che non vedeva da metà settembre. Dai minimi toccati il 29 ottobre, il titolo è risalito di oltre il 29%. Oggi intanto gli analisti di AlphaValue hanno alzato la raccomandazione su Unicredit da reduce a buy con target price a 9,08 euro. Tra i grandi nomi di Piazza Affari seduta tonica anche per FCA (+2,5%), balzata sopra i 12 euro sui massimi da febbraio. Bene anche Generali (+2,36%). Male invece Ferrari caduta indietro del 3%. Poco mossa ENEL (-0,05%) che si mantiene sopra la soglia degli 8 euro. Il miglior titolo in assoluto anche oggi è stato però Leonardo con +7,41% a 5,42 euro. A spingere gli acquisti su Leonardo contribuisce anche il rumor circa la possibile IPO per la controllata statunitense DRS, da realizzare nel primo trimestre del 2021 quotando al NYSE il 40% del capitale. Così riferisce Bloomberg e la società aerospaziale italiana in una dichiarazione ha confermato che sta valutando l’operazione ma non è stata ancora presa una decisione definitiva. Non mancano oggi i titoli in affanno. Spicca il -6% di Stm che si uniforma al cattivo umore del settore tecnologico Usa. Oltre -4% per Prysmian. Mentre tra le banche non ha cavalcato il rally del settore il titolo Bper arretrato dello 0,84%. Segno meno anche per Diasorin (-1,19%) dopo l'oltre -16% della vigilia. Calo dell'1,5 per cento circa per CNH che guarda con apprensione al nuovo tonfo a Wall Street di Nikola, la startup dei camion elettrici con cui ha una partnership e di cui detiene una quota di oltre il 7%.