Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,55 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,27 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.579,20
    -249,62 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,63 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Chortycja, il museo sacro per la storia ucraina evacuato

Quando ha capito che le truppe russe stavano avanzando nella regione di Zaporizhzhia, Natalya Chergik ha caricato un camion con una tonnellata di dipinti, armi antiche e ceramiche del XVII secolo ed è partita verso ovest. Ha guidato per 1.000 chilometri, con questo carico ricco di storia nel rimorchio. Nel cielo, gli aerei da guerra. "La parte più difficile per noi è stata convincere le persone ai posti di blocco a non perquisire le opere d'arte e a far passare il camion il più velocemente possibile", racconta la donna.

Natalya è curatrice a Chortycja, un'isola-museo sul fiume Dnipro. "Abbiamo iniziato a togliere gli oggetti esposti il 23 febbraio, quando abbiamo saputo che Putin aveva riconosciuto le repubbliche autoproclamate di Donetsk e Luhansk", spiega Natalya. "Il 24 febbraio, quando è stata lanciata l'aggressione militare in Ucraina, abbiamo iniziato a impacchettare le collezioni per farle evacuare".

Un luogo sacro per la storia dell'Ucraina

L'isola di Chortycja è un luogo sacro per la storia del Paese, come ci spiega il direttore del museo, Maksym Ostapenko: "Oltre al fatto che Chortycja è un luogo sacro per molti popoli, è anche la culla dei cosacchi ucraini di Zaporizhzhia. È il luogo in cui è nata la democrazia ucraina", spiega il direttore. "La cosiddetta lista numero 1 è stata evacuata. Si tratta delle collezioni più preziose: gli oggetti relativi alla storia dei cosacchi, della regione e dell'archeologia di Chortycja, così come gioielli, vecchie stampe, dipinti, armi".

Fu la sede del primo "Sich" di Zaporizhzhia, un tipo di Stato cosacco governato dalla democrazia diretta, che rimase in vigore fino al 1775, quando l'imperatrice russa Caterina la Grande lo distrusse.

Ostapenko confessa che il piano di evacuazione venne fatto nel 2014, dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia. I curatori stilarono un elenco delle opere d'arte più preziose, circa 100 pezzi che avrebbero dovuto essere evacuati per primi, in caso di pericolo. Perché se i palazzi possono essere ricostruiti un giorno, il patrimonio culturale no...