Italia markets open in 1 hour 32 minutes
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.887,06
    +2,93 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1920
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    28.429,83
    +716,62 (+2,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    810,40
    +16,07 (+2,02%)
     
  • HANG SENG

    28.720,17
    +410,41 (+1,45%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     

Cia: Italia in prima linea per il Food systemm summit 2021

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 giu. (askanews) - Ridurre le perdite agroalimentari nei vari passaggi della filiera agricola dalla produzione alla distribuzione, incrementare il recupero delle eccedenze di cibo per migliorarne la distribuzione e l'accesso, favorire la prevenzione dello spreco alimentare a livello domestico e fuori casa, promuovere l'adozione di un'alimentazione sana e sostenibile di cui è modello esemplare la Dieta mediterranea per garantire a tutti l'accesso regolare a cibo sano e nutriente e tutelare le fasce di popolazione impoverite dalla pandemia. Sono queste le quattro azioni cruciali secondo Cia-Agricoltori Italiani, contro lo spreco alimentare e punti chiave del suo contributo al documento di visione e impegno, presentato oggi dal Dialogo nazionale patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri per il Food System Summit 2021, a Roma dal 26 al 28 luglio.

Nello specifico, infatti, Cia fa parte del Gruppo di lavoro "Perdite, eccedenze, spreco e Dieta mediterranea", promotore del Dialogo Nazionale organizzato dalle Università di Teramo e di Bologna con AG.R.A.R.I.A (Rete di 25 Atenei che ospitano didattica in campo agroalimentare) e coordinato dal professore Andrea Segrè nell'ambito del tavolo Filiere Agroalimentari del Maeci.

La scheda Cia su visione e impegno del sistema agroalimentare italiano, porta l'attenzione su temi come: difesa da patogeni e parassiti, post-raccolta, conservazione, trasporto e logistica. E ancora, su normative e incentivi, sulla centralità di una puntuale educazione alimentare nelle scuole e una costante e mirata, campagna di comunicazione per stimolare l'adozione di modelli di produzione e consumo responsabile, ancora di più dopo la pandemia.

Cia intende, così, rilanciare la necessità di promuovere l'agricoltura 4.0 e la meccanizzazione; una migliore organizzazione delle relazioni di filiera, soprattutto di prodotti deperibili come l'ortofrutta, allargandole al sistema dei trasporti e della logistica; puntare sugli accordi interprofessionali per il contrasto delle perdite e su interventi economici e organizzativi in grado di esaltare la capacità della buona agricoltura verso pratiche di riuso, riciclo e valorizzazione degli scarti. L'accento, inoltre, anche sugli aspetti normativi con l'input ad aggiornare norme di commercializzazione Ue per contenere la formazione di eccedenze di prodotto. Sensibilizzare istituzioni e cittadini, resta per Cia un'azione costante, sostenuta dalla consapevolezza del valore rappresentato dall'agroalimentare Made in Italy, la cui qualità trova sintesi nella Dieta mediterranea.

Infine, il richiamo all'adozione della strategia Farm to Fork del Next Generation Eu per dimezzare entro il 2030 lo spreco alimentare procapite, nella vendita al dettaglio e da parte dei consumatori. Dare seguito alla politica comunitaria potrà favorire una maggiore armonizzazione e collaborazione tra gli Stati membri su questo fronte, anche rispetto al preoccupante incremento dei livelli di povertà per effetto dell'emergenza Covid.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli