Cia, tagli alla spesa alimentare crolla fiducia dei consumatori

Roma, 23 apr. (Labitalia) - Crolla la fiducia dei consumatori toccando il livello più basso dal 1996 e 4 famiglie su 10 tagliano sulla spesa alimentare. La Cia - Confederazione italiana agricoltori - commenta i dati dell'istat: il 60% cambia menù; il 35 per cento è costretto a optare per prodotti di qualità inferiore; analoga la percentuale di chi si rivolge agli hard discount, i cui acquisti nel 2011 sono cresciuti di oltre 3 per cento, o guarda esclusivamente alle “promozioni” commerciali.

"Sul fronte dei tagli - rileva la Cia - si riscontra, in particolare, che negli ultimi dodici mesi il 41,4 per cento delle famiglie italiane ha ridotto gli acquisti di frutta e di verdura, il 37 per cento quelli di pane e il 38,5 per cento quelli di carne bovina. Se, invece, si analizza la ripartizione geografica - aggiunge la Cia - si rileva che nelle regioni del Nord il 32 per cento delle famiglie ha limitato gli acquisti; in quelle del Centro la percentuale di chi ha tagliato i consumi sale al 37 per cento; mentre nelle regioni del Sud si arriva al 49 per cento".

Nel 2011 i consumi di cibo e bevande sono diminuiti del 2 per cento. Gli italiani, quindi, continuano a comprare poco e, quando lo fanno, passano per sconti e promozioni commerciali o cercano il massimo risparmio nelle cattedrali del 'low-cost'. Significa che oggi quasi 10 milioni di famiglie riempiono di meno le buste della spesa, perdendo anche in qualità del prodotto. Le difficoltà economiche delle famiglie restano forti e il clima di fiducia è sempre più basso.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 23.781,78 +0,18% 22 mag 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.679,14 -0,26% 22 mag 17:50 CEST
Ftse 100 7.031,72 +0,26% 22 mag 17:35 CEST
Dax 11.815,01 -0,42% 22 mag 17:45 CEST
Dow Jones 18.232,02 -0,29% 22 mag 22:32 CEST
Nikkei 225 20.264,41 +0,30% 22 mag 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati