Italia markets close in 5 hours 21 minutes
  • FTSE MIB

    21.516,69
    +162,04 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    108,04
    -0,39 (-0,36%)
     
  • BTC-EUR

    18.584,65
    +217,78 (+1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    418,83
    -1,31 (-0,31%)
     
  • Oro

    1.806,90
    +5,40 (+0,30%)
     
  • EUR/USD

    1,0449
    +0,0023 (+0,22%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.830,35
    -29,44 (-0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.475,72
    +27,41 (+0,79%)
     
  • EUR/GBP

    0,8613
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0021
    +0,0018 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,3421
    -0,0012 (-0,09%)
     

Cia: tagli Ue a fitofarmaci poco realistici e troppo veloci

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 giu. (askanews) - "La sostenibilità ambientale non metta in crisi la sostenibilità economica degli agricoltori, impegnati nella produzione di cibo di alta qualità per contribuire alla sicurezza alimentare del Paese". E' questo il commento di Cia-Agricoltori Italiani dopo la revisione della direttiva Ue sull'uso sostenibile dei fitofarmaci, che mira a ridurne l'uso del 50% entro il 2030 basandosi sulla strategia "From Farm to Fork", in assenza di uno studio sul suo impatto globale sull'agricoltura.

Secondo Cia, l'ambizione dei contenuti proposti contrasta con una tempistica di transizione troppo veloce e non dà risposte adeguate sulle strategie alternative ai prodotti chimici per la protezione delle piante. Cia chiede, dunque, di accelerare gli iter autorizzativi dei prodotti alternativi agli agrofarmaci, che ancora scontano eccessive lentezze burocratiche.

Cia ricorda, inoltre, "il forte stress del nostro sistema agroalimentare in un momento di grave crisi geopolitica, in cui gli agricoltori sono anche alle prese con gli effetti drammatici del climate change. E' importante - spiega l'associazione - che la Commissione Ue abbia come obiettivo prioritario la resilienza del settore agricolo e allo stesso tempo imponga un principio di reciprocità sulle regole fitosanitarie ai Paesi terzi, per evitare dumping commerciali e garantire trasparenza al consumatore".

Nel chiedere, infine, a Bruxelles un maggior sostegno all'innovazione, Cia ribadisce "l'importanza di arrivare presto a una proposta legislativa sulle nuove tecniche genomiche, finalizzate alla maggiore resistenza ai parassiti e agli effetti del climate change".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli