Italia markets close in 3 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    25.696,27
    -21,15 (-0,08%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.161,80
    +213,07 (+0,74%)
     
  • Petrolio

    71,28
    +0,37 (+0,52%)
     
  • BTC-EUR

    32.292,43
    +2.328,02 (+7,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    973,80
    +31,99 (+3,40%)
     
  • Oro

    1.855,90
    -23,70 (-1,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2121
    +0,0015 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.129,57
    +2,87 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8588
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0886
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4735
    +0,0022 (+0,15%)
     

Cimbri riaccende il risiko, in Borsa corrono Bper e Banco Bpm

·1 minuto per la lettura

Milano, 20 nov. (askanews) - Bper e Banco Bpm sotto i riflettori a Piazza Affari, con rialzi intorno al 4%, dopo le parole di Carlo Cimbri, numero uno del gruppo Unipol, primo azionista della banca modenese, che hanno riacceso le speculazioni sul risiko bancario. "Bper oggi ha un programma definito ed è impegnata nell'acquisizione delle filiali Ubi - ha detto Cimbri in un'intervista al Sole 24 Ore - Certo, l'idea di creazione del terzo gruppo bancario italiano attraverso l'aggregazione tra Banco Bpm e Bper è affascinante sia sotto il profilo industriale sia perchè si tratterebbe di un grande progetto italiano. Verrebbe a consolidarsi il settore bancario con un gruppo da 300 miliardi di attivi, prevalentemente nel Nord Italia, con quote di mercato importanti nelle regioni più produttive del paese ed economie di scala estremamente rilevanti". "I media - ha proseguito Cimbri - riportano che Banco Bpm in questo periodo sta definendo le proprie strategie. Qualora dimostrasse prioritario interesse verso questa ipotesi, penso che Bper non potrebbe che approfondirla con grande attenzione. Un progetto che creasse valore e fosse coerente con gli interessi degli azionisti raccoglierebbe il consenso degli stessi e del mercato".