Italia Markets closed

Cina, Abi: dalle banche oltre 7 miliardi per le imprese

Cos

Roma, 26 set. (askanews) - Oltre 7 miliardi messi a disposizione delle imprese italiane che scelgono di operare in Cina. Secondo la rilevazione effettuata dell'Abi a tanto ammonta il plafond messo a disposizione dalle banche operanti in Italia per sostenere l'operatività commerciale e finanziaria delle imprese nei settori ad alto potenziale del mercato cinese. Il dato è stato presentato dal presidente del Comitato Tecnico Abi per l'internazionalizzazione, Guido Rosa, a margine del Forum economico tenutosi a Tianjin, in occasione della missione imprenditoriale dedicata alle Pmi, organizzata dalla Cassa depositi e prestiti (Cdp) per la parte italiana e Bank of China (BoC) per parte cinese, in coordinamento con il Ministero dello Sviluppo Economico italiano (Mise) e il Ministero del Commercio cinese (Mofcom) e con il supporto di Abi, Confindustria e Agenzia ICE (Segreteria tecnica del Forum).

L'iniziativa, secondo quanto si legge sul comunicato dell'Abi, si svolge in occasione del quinto anno dall'istituzione del Bfic (Business Forum Italia-Cina), l'organismo fondato dai Governi Italiano e Cinese nel 2014 con l'obiettivo di promuovere le relazioni economiche tra i due Paesi.

Alla missione, partecipa una delegazione di cinque dei principali gruppi bancari che rappresenta oltre il 60% dell'intero mondo bancario italiano in termini di totale attivo: Iccrea Banca, Intesa SanPaolo, Monte dei Paschi di Siena, UniCredit, Ubi Banca.

Per l'Abi e le banche è la quarta volta in Cina dopo la missione del 2004, 2006 e 2010.

"Le cinque banche partecipanti alla missione - ha detto Rosa- intendono rafforzare il supporto offerto alle imprese italiane, tanto dall'Italia quanto direttamente in loco, potenziare le relazioni con le controparti locali, individuarne di nuove, e incrementare le proprie attività. Per questo motivo abbiamo organizzato ieri un incontro con l'Associazione Bancaria Cinese (Cba), la Banca Centrale Cinese (Pboc), la China Banking and Insurance Regulatory Commission (Cbirc) e alcune banche locali. L'incontro è stato una opportunità preziosa per fare il punto sullo stato delle relazioni tra le banche dei due paesi, esaminare congiuntamente come migliorare la collaborazione già in essere e per aggiornarci reciprocamente sull'assetto dei nostri rispettivi settori finanziari".