Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.286,68
    +31,72 (+0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0112
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3602
    -0,0072 (-0,53%)
     

I cinque titoli migliori del Ftse Mib, spicca Eni

(Adnkronos) - Eni svetta a Piazza Affari e guida il rialzo dei cinque titoli migliori del Ftse Mib. Il gruppo del cane a sei zampe sale del 2,28% a 13,92 euro, mentre il prezzo del petrolio sale di oltre un punto percentuale, con il Wti che scambia a 111,2 dollari al barile. In Borsa Unipol sale del 2,03% a 4,93 euro e al terzo posto fra i cinque titoli migliori del paniere principale si piazza un altro petrolifero: Tenaris, che guadagna l'1,82% a 15,41 euro. Bper sale dell'1,57% e Terna dell'1,15%.

Intanto il Ftse Mib scambia su debole, con un rialzo dello 0,16% a 23.930 punti. Londra sale dello 0,28% e Francoforte dello 0,03%, mentre Parigi perde lo 0,04%. Sui mercati si sta consolidando la preoccupazione per una nuova recessione economica, mentre si attendono indicazioni dai dettagli dei verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve. Una recessione però attenuare le politiche restrittive della Bce, con potrebbe procedere con un aumento meno aggressivo dei tassi di interesse.

Sempre sul Ftse fra i cinque titoli peggiori si distinguono Saipem (-3,49%), nonostante l'incremento del prezzo del greggio, Moncler (-3,06%). Banca Generali (-1,93%), Recordati (-1,66%) ed Exor (-1,53%). Segnano ribassi oltre il punto percentuale anche Amplifon, Stellantis, Iveco, Tim e Stm.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli