Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.277,49
    +70,07 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    33.476,46
    -305,02 (-0,90%)
     
  • Nasdaq

    11.004,62
    -77,39 (-0,70%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    71,59
    +0,13 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    16.263,07
    -172,74 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    402,11
    -4,14 (-1,02%)
     
  • Oro

    1.809,40
    +7,90 (+0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0545
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.934,38
    -29,13 (-0,73%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,62
    +21,35 (+0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8589
    -0,0037 (-0,42%)
     
  • EUR/CHF

    0,9838
    -0,0046 (-0,46%)
     
  • EUR/CAD

    1,4365
    +0,0020 (+0,14%)
     

I cinque titoli peggiori del Ftse Mib, scivola Stellantis

(Adnkronos) - Stellantis guida la classifica dei cinque titoli peggiori del Ftse Mib. Sull'indice principale di Piazza Affari il gruppo dell'auto scivola del 4,26%, in una seduta pesante per i mercati europei. Seconda classificata è Bper, che lascia sul terreno il 3,81%, seguita da Moncler (-3,79%) e Nexi (-3,41%). Il gruppo dei semiconduttori Stm chiude il gruppo dei cinque titoli peggiori del paniere principale della Borsa di Milano, accusando un ribasso del 3,39%.

Fra i titoli del comparto industriale soffrono anche Pirelli (-3,335) e Iveco (-3,17%), nelle tlc Tim perde il 3,32% e sono bersagliate dalle vendite anche Diasorin (-3,31%) e Finecobank (-2,85%). Unico titolo in positivo del Ftse Mib è Leonardo: il gruppo della difesa e dell'aerospazio brinda con un rialzo del 2,84%.

Le principali piazze finanziarie europee scambiano in netto calo a metà seduta, appesantite dai dati sull'inflazione in Germania, volata a settembre al 10%. Milano cede l'1,84% a 20.470 punti, mentre lo spread Btp-Bund viaggia a quota 243 punti. Londra perde l'1,01%, Francoforte l'1,24% e Parigi l'1,18%. Stabile fra le materie prime il prezzo del petrolio, con il Wti a 82,1 dollari al barile e il Brent a 87,9 dollari.