Cipro... bomba ad orologeria geopolitica!

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BELI.PA30,090,34
COSI1,190,00

Partecipa all'incontro gratuito che si terrà Giovedì 24 Gennaio ore 14.00 dal titolo: FOREX MARKET MOVERS, (è necessaria solo l'iscrizione), apprenderai insieme a Renato Decarolis quale direzione potrà prendere la seduta in base ai dati macroeconomici in uscita. Analisi grafiche sui più importanti cross del Forex e sui maggiori indici azionari italiani ed esteri. Inoltre, saranno illustrate delle tecniche di trading e l’importanza delle correlazioni intermarket utili per chi opera intraday e per chi fa trading di posizione. Link per iscrizione! Non è una novità ma negli ultimi mesi anche l’ Isola di Cipro ha dimostrato quanto l’Islanda non sia poi molto lontana, un caso isolato dove qualche banca giocava con assets pari a 11 volte l’intero PIL del Paese.

Oggi le banche cipriote detengono assets per circa 150 miliardi mentre il pil di Cipro arriva a malapena a 18 miliardi, vi dice nulla la questione? Il primo default della storia dell’Unione monetaria europea potrebbe sì, come molti pronosticano, parlare greco. Ma non – questa è la sorpresa – il greco che si parla ad Atene, bensì quello parlato a Cipro, l’isola di Afrodite a poche decine di chilometri dalle coste turche e siriane, che ha per sua moneta l’euro dal 2008. La possibilità è teorica, ma non astratta, e il suo eventuale divenire realtà dipende, come tante altre cose europee, dalle risoluzioni che prenderanno menti tedesche. E come per molte decisioni prese a Berlino in riferimento all’Europa, una pesante coltre di ipocrisia sembra avvolgere le motivazioni reali, improntate al più smaccato nazionalismo economico tedesco. La bomba è scoppiata a novembre. Cipro stava negoziando un pacchetto di aiuti Ue per salvare le sue banche e la solvibilità finanziaria del paese, messe a repentaglio dalla crisi greca: le banche cipriote hanno perso 3 miliardi di euro a causa della ristrutturazione del debito pubblico greco e hanno esposizioni per 22 miliardi di euro verso privati greci. Leggi di Più: La Germania, l’Europa e Cipro a rischio default | Tempi.it Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook , Puntuali arrivano i nipotini di zio Adolfo a dire la loro … (ANSA) – BERLINO, 21 GEN – Per il ministro tedesco dell’Economia, Wolfgang Schaeuble, una decisione sugli aiuti economici per Cipro non e’ affatto vicina: ”Occorre ancora lungo tempo prima che possiamo decidere su un pacchetto di aiuti”, ha detto Schaeuble in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung e a Le Monde. Prima, ha aggiunto Schaeuble, si dovra’ stabilire se i problemi di Cipro mettono a rischio la stabilita’ dell’intera eurozona, che e’ un presupposto per un salvataggio da parte dei fondi di salvataggio.

Ma per quale motivo non c’è alcuna fretta, per quale motivo se la prendono tutti con calma? Probabilmente non c’è risposta migliore di quella che ieri VocidallaGermania ha pubblicato, un blog che vi consiglio di tenere d’occhio soprattutto nell’avvicinamento alle elezioni tedesche di settembre ma non solo, ovvero che … …Cercasi salvatore per il denaro degli oligarchi Cipro è il prossimo, e i GIPSI diventano GIPSIZ (Zypern, in attesa della Slovenia). Le (Parigi: FR0000072399 - notizie) banche dell’isola dopo aver fatto affari con il denaro degli oligarchi russi, ora dovranno essere salvate dal contribuente europeo. Da Handelsblatt Russi facoltosi hanno nascosto nelle banche di Cipro circa 20 miliardi di Euro – ora le banche in difficoltà devono essere ricapitalizzate con il denaro dei contribuenti europei.

Menu’ russi nei ristoranti, istruzioni di sicurezza sugli ascensori in russo, assistenti alle vendite che parlano russo nelle gioiellerie e nelle pelliccerie: non c’è da sorprendersi se gli abitanti della città portuale Limassol l’hanno rinominata “Limassolgrad”.

Per festeggiare vi aspettiamo tutti su ICEBERGFINANZA COMPIE 6 ANNI! , Ma anche nelle banche di Cipro si parla russo, perché qui i russi sono clienti importanti e sempre benvenuti. Secondo le informazioni della Banca centrale cipriota i cittadini non EU dispongono presso le banche dell’isola di depositi per circa 20.8 miliardi di Euro. La maggior parte di questi sono riconducibili ai russi. Il flusso di denaro verso Cipro è iniziato dopo la fine dell’Unione Sovietica. Nel frattempo il numero di società off-shore registrate sull’isola è cresciuto fino ad oltre 40.000. Dietro di queste molto spesso si nascondono facoltosi russi, ci spiega un addetto ai lavori. Che non tutto il denaro russo sui conti ciprioti sia stato guadagnato onestamente e tassato secondo le leggi, e’ una presunzione naturale, in un paese dove la corruzione è dilagante.

Poche settimane fa è stato reso pubblico un rapporto interno del Bundesnachrichtendiensts BND (servizi informativi tedeschi), dove si parla addirittura di circa 20 miliardi di Euro di patrimoni russi depositati sui conti di Cipro – una grossa parte sarebbe denaro sporco degli oligarchi, da ripulire sull’Isola.

Nelle statistiche sulle relazioni economiche con la Russia, Cipro è molto in alto. Le società russe investono a Cipro, e da qui il denaro torna a fluire di nuovo verso l’est. Cosi (NasdaqGM: COSI - notizie) ’ il mini stato è in prima posizione per gli investimenti in Russia. Solo nella prima metà del 2012 sono stati oltre 54 miliardi di Euro. Il diritto societario britannico, in vigore a Cipro, rende abbastanza facile per gli uomini d’affari fondare società e nasconderne la struttura.

Chi ha denaro a sufficienza puo’ anche stabilirsi sull’isola. Per avere un passaporto o un visto della categoria F, corrispondente a un permesso di soggiorno permanente, è necessario investire a Cipro almeno 10 milioni di Euro, avere un’azienda che fattura oltre 10 milioni di Euro oppure investire per cinque anni almeno 15 milioni di Euro. Molti milionari, per i quali la Russia non offre sufficienti certezze giuridiche oppure a causa dell’incertezza politica, utilizzano volentieri questa possibilità: secondo BND, sono almeno 80 gli oligarchi ad averne già approfittato. Altre stime sul numero di russi nel paese o sui cittadini di origine russa parlano di un numero ancora maggiore.

, Ma ora i miliardi russi stanno diventando un problema per Cipro. Il settore bancario dell’isola, che nei tempi migliori contava per circa i due terzi dell’economia e il cui totale delle attività era pari a 9 volte il PIL, è a un passo dal tracollo. Con il taglio del debito pubblico nella vicina Grecia le banche cipriote hanno subito pesanti perdite. Altri miliardi di perdite sono arrivati con la svalutazione dei crediti verso il settore privato greco, verso cui le banche cipriote avevano concesso un quarto dei loro prestiti. Ora le due banche principali dell’isola devono essere ricapitalizzate con circa 10 miliardi di Euro. Per Cipro sarà impossibile reperire con le proprie forze una tale somma, pari al 60% del PIL. Il denaro dovrà arrivare dal fondo di salvataggio europeo.

Che il contribuente europeo con gli aiuti finaziari, in ultima analisi, debba salvare anche il denaro sporco dei russi, non è il solo problema. L’isola, che dal 2004 fa parte dell’EU e che nel 2008 è entrata a far parte dell’Eurozona, è considerata un paradiso fiscale. La bassa tassazione sulle società, pari a solo il 10 %, per molti politici europei è un pugno nell’occhio come del resto il molto esteso e ben protetto segreto bancario. E’ vero che Cipro in seguito all’ingresso nella EU ha introdotto una serie di leggi contro la corruzione e il riciclaggio di denaro. I critici tuttavia sostengono che di fatto è cambiato molto poco.

Anche il presidente ciprota Dimitris Christofias si mostra poco disponibile verso le riforme. La EU pretende che Cipro privatizzi le imprese di stato, per ridurre il debito, come contropartita per i salvataggi. Ma l’ex comunista Christofias, che in epoca sovietica si è formato a Mosca, rifiuta con decisione la proposta. La EU deciderà percio’ sul pagamento degli aiuti a Cipro solo dopo le elezioni presidenziali del 17 febbraio. Christofias non si presentarà, e il probabile successore sarà il conservatore Nikos Anastasiadis. Ma il tempo a disposizione di Cipro è poco, il denaro si sta per esaurire: secondo il ministro delle finanze Vassos Shiarly a fine marzo le casse saranno vuote.

, Una recente richiesta di aiuto a Mosca non ha portato il successo sperato. Già nel 2011 la Russia aveva concesso a Cipro un credito di 2.5 miliardi di Euro. La scorsa estate Mosca ha ricevuto una richiesta di aiuto da Nicosia, questa volta per 5 miliardi di euro. Il pagamento avrebbe dovuto migliorare anche la posizione di Cipro nei negoziati sui pacchetti di salvataggio da Bruessel. Nel recente incontro EU-Russia di dicembre, il presidente Wladimir Putin non ha escluso ulteriori aiuti. Ha tuttavia chiarito che è compito dei partner europei decidere sulle regole per il finanziamento a Cipro.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.534,52 +3,44% 16 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.139,26 +1,54% 16 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.584,17 0,65% 16 apr 17:35 CEST
Dax 9.317,82 +1,57% 16 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.424,85 +1,00% 16 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.392,05 0,18% 05:52 CEST

Ultime notizie dai mercati