Italia markets open in 2 hours 53 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.432,90
    +136,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1929
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    14.908,75
    -758,02 (-4,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    346,94
    -23,57 (-6,36%)
     
  • HANG SENG

    26.672,52
    +2,77 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Cipro, Erdoğan è desideroso di ripristinare buone relazioni con l’Occidente. Ma alle sue condizioni

Mariano Giustino
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
(Photo: ASSOCIATED PRESS)
(Photo: ASSOCIATED PRESS)

Erdoğan è desideroso di ripristinare buone relazioni con l’Occidente, ma alle sue condizioni.

La strategia sembra non essere cambiata, prima vi è un annuncio per valutare le reazioni che suscita una sua manifesta intenzione e poi si passa all’azione concreta. Per questo l’Unione europea dovrebbe prendere sul serio quanto il presidente turco ha dichiarato domenica 15 novembre in occasione del 37° anniversario della dichiarazione di indipendenza della Repubblica turca di Cipro del Nord, avvenuta nel 1983, riconosciuta soltanto dalla Turchia.

“A Cipro ci sono due popoli e due Stati separati”, ha detto Erdoğan. “Per questo devono esserci negoziati per una soluzione che si basi su due Stati indipendenti. Non ha più senso il negoziato con i greco-ciprioti. La Turchia costruirà il proprio futuro con la Repubblica turca di Cipro Nord”, ha aggiunto. Si è poi recato sulla spiaggia di Varosia, il quartiere fantasma di Famagosta, riaperto dopo 46 anni. Apertura da lui voluta come mossa propagandistica a sostegno della campagna elettorale del leader del partito nazionalista-conservatore (Ulusal Birlik Partisi), Ersin Tatar, sostenitore della soluzione a due stati che è poi risultato vincitore nelle elezioni presidenziali del 18 ottobre sconfiggendo il presidente in carica Mustafa Akıncı che invece sosteneva l’unificazione.

Varosia (Maraş in turco) è un quartiere simbolo dell’annosa crisi irrisolta e negli anni Settanta era diventata meta turistica molto nota in tutto il mondo di personaggi famosi dello spettacolo, tra cui Liz Taylor, Richard Burton e Brigitte Bardot. Il quartiere fu completamente chiuso nel 1974, quando il 20 luglio di quell’anno la Turchia occupò la parte nord dell’isola, per proteggere la popolazione turco-cipriota dal tentativo dei nazionalisti greco-ciprioti manovrati dalla Grecia dei colonnelli che tentarono l’annessione d...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.