Italia markets close in 2 hours 59 minutes

Cnh Industrial potrebbe rinviare spin-off Iveco e Fpt per coronavirus

Delle bandiere con il logo CNH Industrial a Torino

MILANO (Reuters) - Cnh Industrial potrebbe avere bisogno di più tempo del previsto per completare lo scorporo e la quotazione separata dei business di camion, autobus e propulsori, secondo una comunicazione interna dell'AD.

Lo scoppio dell'epidemia di coronavirus in tutto il mondo ha sconquassato i mercati azionari e costretto le aziende, tra cui la casa automobilistica americana, ad interrompere le attività per tutelare la salute dei lavoratori e adeguarsi sia a una carenza di componenti che a un calo della domanda.

"Sebbene le linee guida della nostra ... strategia siano forti e rimangano valide, sarà anche necessario dimostrarci flessibili e intelligenti nell'adattarci alle sfide che ci si pongono davanti" ha scritto Suzanne Heywood, riferendosi al piano di spin-off, in una lettera vista da Reuters inviata ai dipendenti questa settimana dopo essere stata nominata amministratore delegato.

A settembre il gruppo ha reso pubblica l'intenzione di dividersi e di volere procedere a un listing separato del business minoritario di camion e bus Iveco, così come della divisione motori Fpt, con lo scopo di aumentare il valore degli asset e semplificare le attività.

Il piano doveva essere inizialmente portato a termine entro l'inizio del prossimo anno. 

Lunedì, Cnh ha annunciato che Heywood, presidente del gruppo, sarebbe subentrata temporaneamente a Hubertus Muhlhauser come AD fino alla nomina di un sostituto.

Subito dopo, il consiglio di amministrazione di Cnh aveva confermato il suo forte sostegno al piano di spin-off, senza però fare menzione di una possibile data. 

La scorsa settimana l'azienda produttrice di macchine agricole, veicoli commerciali, macchinari per l'edilizia e propulsori ha dichiarato di aver sospeso la maggior parte delle operazioni di montaggio in Europa per due settimane a causa dell'epidemia di coronavirus, facendo riferimento a problemi nella catena di approvvigionamento. 

La società di investimento Exor, che controlla CNH Industrial, ha dichiarato mercoledì che le chiusure degli impianti, sebbene temporanee, potrebbero continuare e aumentare a seconda dello sviluppo dell'epidemia. 

Le chiusure degli impianti sono iniziate dopo che a febbraio il gruppo aveva ridotto le previsioni sugli utili per il 2020, secondo lo stesso causata dal calo della domanda degli agricoltori nel continente americano.

 

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia