Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,42 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    -0,08 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    47.174,67
    -1.730,97 (-3,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,29 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +0,70 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,85 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8698
    +0,0015 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0952
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Cnh valuta inclusione business difesa, mezzi special in spin-off - fonte

di Giulio Piovaccari
·2 minuto per la lettura
Sede Cnh a Torino

di Giulio Piovaccari

MILANO (Reuters) - Cnh Industrial sta valutando la possibilità di inserire i business difesa e veicoli speciali tra gli asset che il gruppo intende scindere, per rendere il processo più semplice e rapido dopo i ritardi causati dal Covid-19, afferma una fonte.

Non è stato al momento possibile avere un commento da parte di Cnh Industrial, controllata da Exor, la finanziaria della famiglia Agnelli.

Nel 2019 il gruppo aveva annunciato un piano di scissione in due e quotazione separata delle proprie attività di veicoli commerciali e bus (Iveco) e motori (Fpt), che producono margini più bassi, con l'obiettivo di incrementare la valutazione del gruppo e razionalizzarne le attività.

Il piano inizialmente prevedeva che i business difesa e veicoli speciali sarebbero stati separati dalle divisioni oggetto di spin-off per rimanere all'interno di Cnh, insieme ai macchinari agricoli e a quelli per le costruzioni.

Ma l'emergere della crisi della pandemia globale di Covid-19 ha impedito al gruppo di completare l'intero piano nei tempi previsti, ovvero a inizio 2021.

Nel frattempo Cnh Industrial ha anche preso in considerazione ipotesi alternative, discutendo una possibile vendita di Iveco al gruppo cinese Faw Jiefang. Ma la trattativa si è interrotta nelle ultime settimane a causa di disaccordi sulla valutazione della società e a fronte del timore di un possibile ricorso al golden power dal parte del governo italiano per bloccare il progetto.

Cnh ha quindi spiegato che punta ora a completare il piano di spin-off nella prima parte del 2022.

Secondo la fonte mantenere il business difesa e quello dei veicoli speciali -- tra cui figurano i grandi camion da cava Astra e i mezzi per pompieri Magirus -- all'interno di Iveco accelererebbe la preparazione dello spin-off, aiutando il gruppo a completare il piano nei tempi annunciati.

"Hanno fatto parte di Iveco per decenni" spiega la fonte. "Tra l'altro così dallo spin-off verrebbero fuori due società più omogenee".

Iveco Defence produce mezzi corazzati basati sulla piattaforma su cui vengono realizzati i veicoli speciali del gruppo.

La fonte spiega che Cnh è comunque orientata a mantenere Iveco Defence come società autonoma.

Ciò, spiega, permetterebbe di sfilarla agevolmente qualora si rendesse necessario in futuro, in caso di vendita del nuovo gruppo che risulterà dallo spin-off.

(In redazione a Milano Sabina Suzzi)