Italia markets close in 2 hours 17 minutes
  • FTSE MIB

    24.428,52
    -290,29 (-1,17%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,93 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,94 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    74,05
    -2,23 (-2,92%)
     
  • BTC-EUR

    15.480,80
    -465,54 (-2,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,41
    -3,25 (-0,85%)
     
  • Oro

    1.751,30
    -2,70 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0455
    +0,0050 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.931,40
    -31,01 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8663
    +0,0068 (+0,79%)
     
  • EUR/CHF

    0,9859
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,4060
    +0,0154 (+1,11%)
     

Coinbase è nei guai? Il CEO Brian Armstrong chiarisce

Coinbase è nei guai? Il CEO Brian Armstrong chiarisce
Coinbase è nei guai? Il CEO Brian Armstrong chiarisce


L'industria delle criptovalute ancora nascente ha subito un altro duro colpo la scorsa settimana a causa del crollo della piattaforma di scambio di criptovalute FTX di Sam Bankman-Fried, fino a poco fa uno dei più giovani e promettenti miliardari.

Essendo una delle due società quotate in borsa con exchange di criptovalute attivi, Coinbase Global Inc (NASDAQ:COIN) viene esaminata da azionisti e investitori istituzionali quando eventi drammatici scuotono il settore e il suo CEO Brian Armstrong ha la responsabilità di allentare le tensioni tra questi azionisti: ha fatto proprio questo.

Coinbase è al sicuro dopo il crollo dell'FTX?

«[Coinbase] non è nei guai», ha detto Armstrong agli investitori e agli ascoltatori tramite Twitter Spaces mercoledì. «Siamo molto ben capitalizzati: abbiamo 5 miliardi di dollari di liquidità in bilancio e deteniamo tali asset in dollari, quindi non siamo esposti alla volatilità delle criptovalute».

Armstrong ha chiarito la situazione, aggiungendo che Coinbase non aveva alcuna esposizione significativa a FTX o Alameda Research e ha ricordato agli investitori di rivedere i suoi rendiconti finanziari certificati, gestiti dalla direzione e dalla consulenza di Deloitte.

«I fondi dei clienti sono separati», ha detto, «questa è una cosa importante da considerare».

Quest'anno, mentre l'aumento dei tassi di interesse e le crescenti preoccupazioni per un rallentamento economico hanno colpito gli asset speculativi, spesso associati alla drammatica scoperta dell'insolvenza di molte società, le aziende di criptovalute si sono riprese da un calo significativo.

Numerosi attori del settore sono stati costretti a licenziare dipendenti, compresi Voyager Digital, Three Arrows Capital e Celsius Network.

«Penso che siamo stati anche molto chiari con il pubblico che Coinbase è una società molto diversa da FTX», ha detto Armstrong. «Siamo registrati proprio qui negli Stati Uniti. Non siamo in una giurisdizione offshore sottoposta a controlli minimali».

FTX è stata registrata alle Bahamas, dove, tra le altre cose, sono tollerate aliquote fiscali più basse, flessibilità e un rapido processo di configurazione aziendale, mentre le normative statunitensi sono più rigorose.

«Coinbase è la migliore della categoria come società pubblica: abbiamo appena soddisfatto uno standard completamente diverso da quello che altri sono stati in grado di fare», ha dichiarato il CEO.

Movimento dei prezzi

Le azioni di Coinbase sono scese del 12,7% mercoledì alla chiusura del mercato a 48,83 dollari, secondo i dati di Benzinga Pro.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni

Continua a leggere su Benzinga Italia