Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1867
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    32.271,21
    -725,47 (-2,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Colao visita il data center campus di Aruba

·1 minuto per la lettura

il Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ha visitato il Global Cloud Data Center di Aruba. L'innovativo polo tecnologico, di recente realizzazione e con struttura e impianti conformi ai massimi standard di sicurezza del settore - Rating 4 Ansi/Tia 942-B), si trova a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, e, con i suoi 200.000 metri quadri di superficie, è il data center campus più grande d'Italia.

La visita, guidata dal padrone di casa Stefano Cecconi, amministratore delegato di Aruba, e avvenuta ieri nel pomeriggio, "è stata anche l’occasione per vedere i lavori in corso del cantiere di ampliamento del campus che porterà all’imminente attivazione di altri due data center, uno dei quali entro la fine del 2021" riferisce il player italiano di servizi di data center, web hosting, e-mail e registrazione di nomi di dominio

Nel dettaglio, il Data Center B disporrà di una potenza a regime di 9 MW, il Data Center C di 8 MW. Questi due nuovi moduli andranno ad affiancarsi al Data Center A, oggetto della visita, che dispone di 12 MW ed è ormai quasi a pieno regime.

Aruba assicura che tutte le infrastrutture nel campus "sono green by design: utilizzano, infatti, risorse energetiche provenienti da fonti rinnovabili tra cui il fotovoltaico, l'idroelettrico - grazie alla centrale idroelettrica sul fiume Brembo localizzata all'interno dell’area - e sistemi ad alta efficienza, come quello geotermico che sfrutta l'acqua di falda per il raffreddamento delle sale dati".

La società italiana spiega infine che questi aspetti consentono di "compensare i consumi, minimizzando l'impatto energetico dei nostri Data Center e, di conseguenza, quello ambientale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli