Italia markets close in 7 hours 37 minutes
  • FTSE MIB

    26.480,58
    +451,69 (+1,74%)
     
  • Dow Jones

    34.297,73
    -66,77 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.539,29
    -315,83 (-2,28%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    85,79
    +0,19 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    33.263,10
    +877,60 (+2,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    853,33
    +32,75 (+3,99%)
     
  • Oro

    1.844,70
    -7,80 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1289
    -0,0017 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    4.356,45
    -53,68 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.160,69
    +82,43 (+2,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8358
    -0,0010 (-0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0387
    +0,0011 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4206
    -0,0063 (-0,44%)
     

Coldiretti: in 2021 spesi 20 miliardi in meno in ristoranti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 gen. (askanews) - Nel 2021 la spesa degli italini in bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi è stata pari a circa 60 miliardi di euro, in calo di oltre 20 miliardi rispetto al 2019, nonostante l'aumento registrato nel 2020, l'anno della pandemia E' quanto emerge dal bilancio di fine anno sui consumi alimentari fuori casa elaborato dalla Coldiretti. Le difficoltà del settore si trasferiscono a cascata anche sulle aziende fornitrici di prodotti agricoli e alimentari.

A pesare l'aumento dei contagi proprio nel periodo cruciale delle vacanze natalizie: solo il 14% dei cittadini ha deciso di festeggiare il Capodanno fuori al ristorante, in trattorie e agriturismi, che hanno sofferto anche per le disdette last minute negli alloggi con percentuali che secondo Terranostra hanno superato anche il 40% costringendo molte strutture a chiudere.

Si registra invec il boom delle consegne a domicilio, favorito dal crescente numero di italiani in isolamento o in quarantena, senza dimenticare quanti organizzano pranzi e cene nelle case perché non dispongono di green pass rafforzato necessario per mangiare fuori. Una balzo tuttavia del tutto insufficiente a coprire le perdite.

La situazione di difficoltà pesa a cascata sull'intera filiera agroalimentare, soprattutto per alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo dove la ristorazione rappresenta il principale canale di commercializzazione per fatturato. Il risultato è che sono mancati acquisti in cibi e bevande da parte della ristorazione per un valore di circa 5 miliardi rispetto a prima della pandemia che, stima la Coldiretti, colpiscono ben 740mila aziende agricole e 70mila industrie alimentari presenti nella filiera agroalimentare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli