Italia markets close in 3 hours 58 minutes
  • FTSE MIB

    21.660,84
    -326,16 (-1,48%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,61
    0,00 (0,00%)
     
  • BTC-EUR

    25.362,15
    -1.238,63 (-4,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    618,30
    -21,62 (-3,38%)
     
  • Oro

    1.837,60
    -13,30 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,2120
    -0,0049 (-0,40%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.538,84
    -53,99 (-1,50%)
     
  • EUR/GBP

    0,8837
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0763
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,5435
    -0,0000 (-0,00%)
     

Coldiretti, 74 mln di bottiglie di spumante italiano (+8%) -2-

Cam

Roma, 29 dic. (askanews) - Fuori dai confini nazionali - continua la Coldiretti - i consumatori più appassionati sono gli inglesi che non sembrano essere stati scoraggiati dalla Brexit e sono nel 2019 il primo mercato di sbocco delle spumante italiano con le bottiglie esportate che fanno registrare un aumento del 7% nelle vendite, mentre gli Stati Uniti sono al secondo posto con un balzo dell'11% pur in presenza di tensioni commerciali e timori collegati ai dazi, mentre in posizione più defilata sul podio si trova la Germania - spiega la Coldiretti - che rimane il terzo consumatore mondiale di spumante italiano ma che con la frenata dell'economia tedesca paga un calo dell'8% rispetto all'anno precedente. Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l'Asti e il Franciacorta che ormai sfidano alla pari il prestigioso Champagne francese, tanto che proprio sul mercato transalpino si registra una crescita record delle vendite del 30%. Ma lo spumante italiano - aggiunge la Coldiretti - piace molto anche nel Paese di Putin, visto l'incremento del 17% in Russia nonostante le tensioni causate dal perdurare dell'embargo su una serie di prodotti agroalimentari Made in Italy. E un aumento in doppia cifra si riscontra anche in Giappone, con +37%. Sul successo delle bollicine tricolori nel mondo pesa però - sottolinea la Coldiretti - la contemporanea crescita delle imitazioni in tutti i continenti a partire dall'Europa dove sono in vendita bottiglie dal Kressecco al Meer-Secco prodotte in Germania che richiamano palesemente al nostrano Prosecco che viene venduto addirittura sfuso alla spina nei pub inglesi. All'estero - conclude la Coldiretti - finisce circa il 70% della produzione nazionale di bollicine.