Italia markets close in 7 hours 24 minutes
  • FTSE MIB

    23.943,10
    -151,90 (-0,63%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • Petrolio

    111,35
    +1,07 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    28.711,22
    +779,94 (+2,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    682,26
    +8,89 (+1,32%)
     
  • Oro

    1.854,90
    +12,80 (+0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,0612
    +0,0050 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.465,85
    -251,39 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.683,15
    +26,12 (+0,71%)
     
  • EUR/GBP

    0,8448
    -0,0007 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0306
    +0,0018 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,3570
    +0,0014 (+0,11%)
     

Coldiretti: in calo di 10mila ettari semine di riso italiano

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 mag. (askanews) - L'aumento record dei costi di produzione taglia le semine di riso made in Italy, con un calo stimato di diecimila ettari. Lo denuncia la Coldiretti, sottolineando che i terreni coltivati a riso in Italia quest'anno passeranno da 227mila ettari a 217mila, con un impatto drammatico su un settore strategico per l'economia e l'approvvigionamento alimentare del Paese, dove si raccolgono 1,5 milioni di tonnellate di risone all'anno, oltre il 50% dell'intera produzione Ue, con una gamma varietale unica e fra le migliori a livello internazionale.

Uno scenario ancora più preoccupante, sottolinea la Coldiretti, se si considera che a causa del conflitto i consumi alimentari mondiali potrebbero nel tempo spostarsi in diversi paesi dal grano proprio al riso, secondo il dipartimento dell'agricoltura statunitense (Usda) che evidenzia come i mercati cerealicoli globali sono stati colpiti dall'invasione russa dell'Ucraina e dalla la quasi completa cessazione delle esportazioni di grano da quel Paese.

A pesare è l'esplosione dei costi energetici con aumenti record che vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio, secondo l'analisi Coldiretti. Ma a preoccupare è anche la siccità, con la mancata disponibilità di acqua che ha pesato nelle fasi inziali di sommersione con il 90% del riso italiano che si coltiva nel triangolo d'ora tra Pavia, Vercelli e Novara ma la coltivazione è presente in misura significativa anche in Veneto, Emilia Romagna e Sardegna.

"Per cercare di contrastare l'aumento dei costi di produzione bisogna lavorare fin da subito sugli accordi di filiera che sono uno strumento indispensabile per la valorizzazione delle produzioni nazionali e per un'equa distribuzione del valore lungo la catena di produzione", sottolinea il presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli