Italia markets open in 6 hours 5 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,93 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,33 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.082,21
    -229,09 (-0,84%)
     
  • EUR/USD

    0,9798
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    20.423,67
    -486,56 (-2,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    455,21
    -7,92 (-1,71%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,82 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Coldiretti: non c’è tempo da perdere, subito intervento su prezzi energia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 ago. (askanews) - Coldiretti si aggiunge al coro di quanti negli ultimi giorni hanno chiesto un intervento immediato dell'attuale governo per arginare l'impatto dei rincari energetici sul tessuto produttivo del Paese. "Non c'è tempo da perdere e non possiamo aspettare le elezioni e il nuovo Governo ma bisogna intervenire subito sui rincari dell'energia a famiglie e imprese che mettono a rischio una filiera agroalimentare che dai campi alla tavola vale 575 miliardi di euro, quasi un quarto del Pil nazionale, e vede impegnati ben 4 milioni di lavoratori in 740mila aziende agricole, 70mila industrie alimentari, oltre 330mila realtà della ristorazione e 230mila punti vendita al dettaglio" afferma in una nota il presidente Ettore Prandini. "Così non possiamo andare avanti e non ci possiamo permettere di aspettare i tempi lunghi della politica - spiega Prandini - anche perché si concentrano proprio in questi mesi le produzioni agricole tipiche del made in Italy". Sarebbe secondo il numero uno di Coldiretti "un crack alimentare, economico e occupazionale". La produzione agricola e quella alimentare in Italia assorbono oltre l'11% dei consumi energetici industriali totali per circa 13,3 Mtep all'anno. Nelle campagne, ribadisce, più di un'azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell'attività ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (34%) si trova costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo.