Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.289,63
    -8,10 (-0,02%)
     
  • Nasdaq

    13.668,62
    +129,32 (+0,96%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1255
    -0,0051 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    33.460,31
    +195,39 (+0,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    869,20
    +13,38 (+1,56%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.374,95
    +18,50 (+0,42%)
     

Coldiretti: raddoppiati costi semine grano e pasta e pane

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 gen. (askanews) - In Italia sono praticamente raddoppiati i costi delle semine per la produzione di grano destinato a pasta e pane, per effetto dei rincari di oltre il 50% per il gasolio necessario alle lavorazioni dei terreni e dell'aumento dei costi dei mezzi agricoli, dei fitosanitari e dei fertilizzanti. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti che sottolinea, però, come nonostante questo il grano duro italiano sia pagato agli agricoltori nazionali meno di quello proveniente dall'estero che pesa per il 40% sulla produzione di pasta.

Per fermare le speculazioni a livello internazionale e garantire la disponibilità del grano, ribadisce la Coldiretti, occorre lavorare per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione, come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali.

Secono il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, "ci sono le condizioni per rispondere alle domanda di italianità dei consumatori ed investire sull'agricoltura nazionale che è in grado di offrire produzioni di qualità realizzando rapporti di filiera virtuosi con accordi che valorizzino i primati del Made in Italy".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli