Italia markets closed

Coldiretti: sì a fondo di solidarietà alimentare in Lombardia

Asa

Milano, 2 apr. (askanews) - Gli agricoltori lombardi sono pronti a stringere un'alleanza con i sindaci per garantire il cibo da destinare alle famiglie in difficoltà. Cosi Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Lombardia, raccoglie l'appello dell'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Fabio Rolfi, che ha chiesto ai Comuni di acquistare prodotti agroalimentari del territorio con il fondo di solidarietà alimentare stanziato dal Governo.

In Lombardia sono 235 mila le persone che hanno bisogno di aiuto per mangiare - ricorda la Coldiretti regionale sulla base degli aiuti agli indigenti in Italia su dati della Relazione annuale Fead del giugno 2019 - Un numero che fa della nostra regione la quinta a livello nazionale per individui che necessitano di sostegni per cibarsi. Una situazione che l'emergenza coronavirus contribuisce ad aggravare, con le misure restrittive per contenere il contagio e la perdita di opportunità di lavoro, anche occasionale.

"Anche noi agricoltori stiamo soffrendo per l'epidemia di Covid19 in corso - continua Paolo Voltini - ma nonostante questo con grande senso di responsabilità stiamo continuando a produrre cibo sano e di qualità per tutti i cittadini, perché il lavoro nelle campagne non si ferma. A maggior ragione, siamo disponibili da subito a creare una rete d'azione regionale e fornire in maniera tempestiva tutti quei prodotti agroalimentari, come ad esempio uova, latte, formaggi, ortofrutta, riso, farina, carne, salumi che possono dare un aiuto concreto e immediato alle famiglie in difficoltà alimentari".

"Ora più che mai è importante fare sinergia sul territorio e aiutarsi l'un l'altro - conclude Paolo Voltini - Ringrazio quindi l'assessore regionale Rolfi per questa proposta che vuole garantire il cibo a chi ha bisogno e che al tempo stesso aiuta a sostenere il lavoro delle aziende agricole lombarde".