Italia markets closed
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.418,51
    -67,29 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1754
    -0,0036 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    11.284,21
    +79,85 (+0,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,22
    -11,47 (-4,20%)
     
  • HANG SENG

    24.708,80
    -78,39 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Colleferro, fratelli Bianchi: "Non abbiamo toccato Willy"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Non abbiamo toccato Willy Monteiro. Respingiamo ogni accusa. Siamo intervenuti per dividere". E’ quanto hanno detto Marco e Gabriele Bianchi, i fratelli che sono tra i quattro accusati dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte, durante l'interrogatorio di convalida dell'arresto davanti al gip che si è tenuto questa mattina a Rebibbia. "Siamo dispiaciuti e distrutti perché siamo accusati di un omicidio che non abbiamo commesso", avrebbero aggiunto, da quanto si apprende.

Il fratello maggiore Alessandro: "A me e a mia famiglia minacce di morte"

"Durante l’interrogatorio i miei assistiti hanno raccontato di avere visto delle persone che loro conoscevano e che erano coinvolte in una rissa con altri soggetti a loro sconosciuti. I miei assistiti hanno fornito al giudice i nomi dei loro conoscenti", ha detto l'avvocato Massimiliano Pica, uno dei legali dei fratelli e di Mario Pincarelli, dopo l'interrogatorio di convalida degli arresti. Il legale ha poi aggiunto che i suoi assistiti "affermano di avere ‘sbracciato’ per dividere gli autori della rissa ma di non avere colpito il ragazzo. Domani depositeremo nuove testimonianze che contraddicono quelle della Procura. I fratelli Bianchi affermano di non avere visto Willy a terra, vittima del pestaggio". "Se è stata contestata l'aggravante dell'odio razziale? No, assolutamente no. Il capo di imputazione è omicidio preterintenzionale", ha risposto.

Da quanto si apprende, il gip al termine dell'interrogatorio si è riservato di decidere entro domani sull'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare per i fermati.