Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.102,87
    +264,71 (+0,76%)
     
  • Nasdaq

    14.748,06
    +66,99 (+0,46%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    32.238,81
    -1.211,68 (-3,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    933,90
    -9,54 (-1,01%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.420,43
    +33,27 (+0,76%)
     

Colombini (Cisl): 'Risultati Ipsos molto incoraggianti'

·2 minuto per la lettura

“I risultati emersi dal sondaggio Ipsos 'Futuro ed economia circolare' - a cura di Conou, Legambiente, editoriale Nuova ecologia - presentato oggi a Roma nel corso della seconda giornata dell'Eco Forum 2021, sono molto incoraggianti. Ci sembra di cogliere la disponibilità ed il necessario consenso dei cittadini e dei lavoratori verso la necessità di procedere ad una trasformazione del sistema economico verso modelli di economia circolare. La consapevolezza della necessità di una transizione verso modelli di sviluppo e di consumo meno impattanti sugli ecosistemi e più sostenibili è un primo ma fondamentale passo per avviare le necessarie politiche e le conseguenti misure pratiche”. Lo dichiara in una nota il segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini.

“Sembra recuperata anche quelle fiducia verso la Ue che si era smarrita negli ultimi anni- aggiunte Colombini-. il cambio di passo della Ue, il lancio del Green Deal Europeo, insieme alla spinta del Next Generation EU e le misure collegate con il Pnrr, hanno rimessa l’Europa al centro dell’attenzione riconoscendole il ruolo di promotore dello sviluppo e dell’innovazione. È quindi il momento di procedere speditamente con l’attuazione del Pnrr e di avviare prima possibile le riforme normative e la semplificazione/accelerazione delle procedure necessarie alla realizzazione di opere pubbliche ed impianti, come i termovalorizzatori, ma anche impegnare le pmi in questo modello di sviluppo, sempre più circolare, visto che sono oltre il 90% del tessuto produttivo italiano. Ci sembra importante infine sottolineare l’enfasi, segnalata dai rispondenti, verso il bisogno di recuperare aree dismesse, che spesso sono simbolo di forte e contemporaneo degrado economico, sociale ed ambientale, di cui i cittadini ne subiscono le conseguenze”.

“La transizione verso modelli economici e di sviluppo circolare e più sostenibili- conclude Colombini- non può essere disgiunta da misure “visibili” anche verso le realtà più prossime ai cittadini, alle lavoratrici ed ai lavoratori, altrimenti si rischierà di sembrare distanti dalla vita delle persone, senza raggiungere il consenso verso il necessario cambio di abitudini e le eventuali rinunce personali”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli