Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.571,73
    +46,58 (+0,18%)
     
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,94 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.804,85
    +96,27 (+0,34%)
     
  • Petrolio

    83,98
    +1,48 (+1,79%)
     
  • BTC-EUR

    51.958,58
    -2.359,55 (-4,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,69 (-3,31%)
     
  • Oro

    1.793,10
    +11,20 (+0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1648
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,40 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.188,81
    +33,08 (+0,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8470
    +0,0044 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    1,0668
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4394
    +0,0015 (+0,11%)
     

Come affrontare il mal di schiena post-parto: i rimedi

·5 minuto per la lettura
Mal di schiena post-parto
Mal di schiena post-parto

Molti dei cambiamenti fisici che possono causare mal di schiena durante la gravidanza possono contribuire a un mal di schiena post-parto. Per esempio, durante la gravidanza il tuo utero in espansione ha allungato e indebolito i tuoi muscoli addominali e alterato la postura, mettendo a dura prova la tua schiena. Il peso extra durante (e dopo) la gravidanza non significa solo più lavoro per i tuoi muscoli, ma anche un maggiore stress sulle tue articolazioni.

Inoltre, i cambiamenti ormonali possono allentare le articolazioni e i legamenti. Sfortunatamente, tutti questi cambiamenti non vanno via necessariamente appena partorisci. Tra l’altro, durante il parto potresti aver usato muscoli che normalmente non usi, quindi potresti sentire questi effetti per qualche tempo, specialmente se hai avuto un travaglio lungo o difficile. Anche altri fattori entrano in gioco durante il periodo postpartum. Molte nuove mamme inavvertitamente peggiorano i loro problemi alla schiena non usando una buona postura durante l’allattamento.

Quando stai imparando ad allattare, potresti essere così concentrata a far allattare correttamente il tuo bambino da piegarti, sforzando i muscoli del collo e della parte superiore della schiena mentre guardi in basso. L’esaurimento generale e lo stress di prendersi cura di un neonato 24 ore su 24 può anche rendere più difficile il recupero da tutti i dolori dopo il parto, compreso il mal di schiena.

Mal di schiena post-parto: quanto durerà?

Il mal di schiena post-parto di solito migliora entro pochi mesi dopo il parto, anche se alcune donne continueranno ad avere dolore per molto più tempo. Se hai avuto mal di schiena prima o durante la gravidanza, è più probabile che tu abbia un mal di schiena persistente dopo la gravidanza, soprattutto se è stato grave o è iniziato relativamente presto nella gravidanza. Essere in sovrappeso aumenta anche il rischio di mal di schiena cronico.

Cosa posso fare?

Comincia a informare il medico del tuo mal di schiena. Può suggerire misure appropriate di auto-cura da provare prima, e valutare la tua situazione se hai bisogno di un ulteriore trattamento. I comuni rimedi casalinghi per il mal di schiena possono essere altrettanto efficaci. Puoi provare le stesse tecniche che hai provato durante la gravidanza, ad esempio.

Esercizio leggero

Quando ti fa male la schiena, muoversi può essere l’ultima cosa che hai voglia di fare, ma potrebbe essere proprio quello di cui il tuo corpo ha bisogno. All’inizio scegli una forma delicata di esercizio, come camminare. A condizione che tu lo faccia lentamente e che le passeggiate siano brevi per le prime settimane, è sicuro iniziare a camminare quasi immediatamente dopo un parto vaginale o un cesareo.

Quando il medico darà il consenso, potresti voler inserire i piegamenti pelvici nella routine quotidiana. Puoi anche iniziare gradualmente a fare esercizi per rafforzare la schiena e i muscoli addominali. Prova esercizi di stretching dolce o yoga; assicurati solo di evitare lo stretching eccessivo o posizioni estreme. Infine, ascolta sempre il tuo corpo: se una certa posizione o attività provoca disagio, fermati subito.

Una corretta meccanica del corpo

Tieni a mente questi consigli durante la giornata.

  1. Stai in piedi – e siediti – in modo corretto.

  2. Presta attenzione alla posizione del tuo corpo quando allatti il tuo bambino, sia che tu stia allattando o dando il biberon. Scegli una sedia comoda con braccioli e usa molti cuscini per dare un sostegno extra alla tua schiena e alle tue braccia. Se stai allattando, prendi in considerazione l’acquisto di un cuscino per l’allattamento che ti avvolga il centro. Prova anche a usare uno sgabello per tenere i piedi leggermente sollevati da terra.

  3. Impara a posizionarti correttamente durante l’allattamento e porta sempre il tuo bambino al seno, piuttosto che il contrario. Prova anche diverse posizioni di allattamento. Se hai le spalle tese e dolori alla schiena, la posizione laterale può essere più comoda.

  4. Piegati sempre dalle ginocchia e raccogli gli oggetti (e i bambini) da una posizione accovacciata per ridurre al minimo lo stress sulla tua schiena.

  5. Lascia che sia qualcun altro a sollevare i pesi, specialmente se hai avuto un cesareo.

Mal di schiena post-parto mamme
Mal di schiena post-parto mamme

Cura di sé in generale

Alleviare l’indolenzimento e, in generale, prendersi cura di se stessi può aiutarti a gestire il mal di schiena. Come minimo, può aiutarti a sentirti meglio temporaneamente.

  1. Immergiti in una vasca calda.

  2. Usa un cuscinetto riscaldante o un impacco freddo sulla zona dolorante. Coprilo per proteggere la pelle.

  3. Fatti fare un massaggio per calmare i muscoli tirati, le spalle tese e il mal di schiena.

  4. Impara le tecniche di rilassamento. Possono aiutarti ad affrontare il disagio e possono essere particolarmente utili al momento di andare a letto.

  5. Prova la stimolazione elettrica transcutanea dei nervi. Alcune persone riferiscono che l’uso di uno di questi piccoli e poco costosi dispositivi allevia temporaneamente il loro dolore lombare.

Cos’altro posso provare?

Potresti anche prendere in considerazione:

  • Prendere ibuprofene o acetaminofene. Non prendere più di quanto raccomandato, e parla con il tuo medico se scopri che hai bisogno di prenderli più che occasionalmente, o se il farmaco non sta aiutando.

  • Terapia fisica. Un fisioterapista può insegnarti degli esercizi per alleviare o prevenire il dolore lombare.

  • Trattamenti alternativi, come l’agopuntura o la cura chiropratica. Possono aiutare a sentirti molto meglio.

Quando chiamare il medico?

Chiama immediatamente il tuo medico se:

  • Il tuo mal di schiena è grave, costante, o peggiora progressivamente.

  • Il tuo dolore alla schiena è stato causato da un trauma o è accompagnato da febbre.

  • Perdi la sensibilità in una o entrambe le gambe, o ti senti improvvisamente scoordinata o debole.

  • Perdi la sensibilità nelle natiche, nell’inguine o nell’area genitale (compresa la vescica o l’ano). Questo può rendere difficile fare pipì o avere movimenti intestinali, o causare incontinenza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli